non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

UOMINI SENZA DONNE

 
fotoDiScena-USD-4
fotoDiScena-USD-4
fotoDiScena-USD-4

 
Scheda
 

Genere:
 
Regia:
 
Autore:
 
Interpreti: ,
 
Regia
 
 
 
 
 


 
Cast
 
 
 
 
 


 
Musiche
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

Da martedì 27 gennaio il Teatro Golden ospiterà la commedia scritta e diretta da Angelo Longoni “Uomini senza donne”. Sul palco 2 attori amati dal pubblico femminile Ludovico Fremont e Valerio Morigi. Il primo conosciuto dal pubblico per i suoi tanti ruoli televisivi e cinematografici tra cui ricordiamo Walter Masetti de I Cesaroni, mentre Valerio Morigi è tra i protagonisti della serie Tv Mediast “L’onore e il rispetto”.

0
Posted 31 gennaio 2015 by

 
Recensione completa
 
 

Uomini senza donne è sicuramente una commedia da primati per il successo ottenuto quando è stata rappresentata: vince il Premio Fondi nel 1988, viene tradotta in francese e tedesco, messa in scena presso il Théatre de la Coline, dall’emittente radiofonica France Culture e in Germania allestita al Theater Sirene di Saarbrucken. Viene riallestita nel 1993 e diviene campione d’incassi riscuotendo un grandissimo successo in tutti i teatri italiani per 2 anni consecutivi.

Dalla commedia viene tratto il film cinematografico sempre scritto e diretto da Angelo Longoni prodotto dalla Ceccchi Gori.

Scheda:

Uomini Senza Donne (2015) é frutto di una riscrittura del testo originario attualizzata  ai giorni nostri con un occhio rivolto alle trasformazioni sociali avvenute negli ultimi anni. USD 2015 è una commedia amara e divertente che affronta l’inadeguatezza, la confusione e le incapacità dei trentenni di vivere in modo equilibrato e maturo i sentimenti e l’amore. Si tratta di un problema talmente diffuso tanto d’aver contribuito in modo considerevole negli ultimi anni alla trasformazione della composizione sociale del paese. E’ la storia di due uomini, una strana coppia buffa e mal assortita, due scapoli che convivono a causa del precariato e che fanno delle donne il loro principale argomento di conversazione. Uno é estroverso, bello, aitante, salutista, fortunato con le donne, sicuro di sé, un po’ cinico, pratica il pugilato a livello dilettantistico. L’altro é ombroso, timido, nevrotico, autoironico, autolesionista, trascurato e con una forte tendenza all’alcolismo. I due convivono temporaneamente nello stesso appartamento, dividendo comicamente una vita mal organizzata, contraddistinta da un continuo e reciproco interrogarsi su tutto ciò che riguarda l’altro sesso. La loro amicizia però é minata da una profonda immaturità e dall’incapacità, quasi fisiologica, di essere felici e sereni. Il finale é avvolto da un cinismo disarmante. La paura di essere veramente se stessi e di seguire le loro autentiche emozioni spinge i due amici ad uno scontro finale che li rende impotenti e attoniti di fronte alle proprie debolezze e incapaci di reagire alla meschinità della loro vita affettiva

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)