non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

THE FULL MONTY

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Cast
 
 
 
 
 


 
Musiche
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
4.5/ 5


User Rating
no ratings yet

 

Pro


Il classico humor inglese si trasforma in un’ironia tutta italiana

Contro


Le coreografie sono scarne e soprattutto all’inizio manca la verve tipica delle opere del Sistina


In breve

Marco Romeo Piparo colpisce ancora e stavolta con il celebre musical ispirato all’omonimo film inglese “The Full Monty” diretto da Peter Cattaneo nel 1997, che debutta ora sul palcoscenico del Sistina. Sei uomini, che per anni hanno lavorato in fabbrica, improvvisamente si trovano disoccupati, dopo una serie di deludenti colloqui e una vita personale che […]

0
Posted 21 marzo 2013 by

 
Recensione completa
 
 

Marco Romeo Piparo colpisce ancora e stavolta con il celebre musical ispirato all’omonimo film inglese “The Full Monty” diretto da Peter Cattaneo nel 1997, che debutta ora sul palcoscenico del Sistina. Sei uomini, che per anni hanno lavorato in fabbrica, improvvisamente si trovano disoccupati, dopo una serie di deludenti colloqui e una vita personale che va a rotoli, improvvisamente arriva l’idea! Perché non dar vita ad uno spettacolo di spogliarello? I motivi che li spingono sono diversi, c’è chi cerca di mantenere l’affidamento del figlio ancora minorenne, c’è chi cerca di salvare il proprio matrimonio, chi cerca degli amici e chi semplicemente tenta di sopravvivere.

Curiosità: Per sottolineare quanto sia importante risolvere la piaga della “disoccupazione”, sono stati coinvolti nel cast, nel ruolo di protagonisti, due veri disoccupati, che hanno superato le audizioni, riservate a tutti i lavoratori che avessero perduto l’impiego negli ultimi 24 mesi.

Federica Di Bartolo

PRO

Il classico humor inglese si trasforma in un’ironia tutta italiana, dalla parlata alla mimica degli attori. Tutto è firmato “Made in Italy”. E’ un ritratto esauriente della società italiana che da disoccupata deve reinventarsi il salario e nonostante le divisioni interne è pazza per il calcio. E’ uno spaccato divertito, ironico con una sfumatura un po’ amara di un mondo ormai allo “sbando” , che non riesce più a seguire e applicare nemmeno l’articolo 1 della Costituzione: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.”

CONTRO

Le coreografie sono scarne e soprattutto all’inizio manca la verve tipica delle opere del Sistina, tuttavia l’opera sembra riprendersi quasi subito, grazie alle capacità recitative degli attori. Tra amarezza e ironia si snoda una commedia i cui personaggi di contorno sono decisamente stereotipati, incapaci di prendere vita e fare da contrappunto ai protagonisti. Non vi sono situazioni originali, tutto è già visto, ma ciò che abbassa il tono sono alcune interpretazioni canore che non coinvolgono e non emozionano lo spettatore.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

fdb.admin

 
Avatar of fdb.admin


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)