non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

INTERVISTA A ELEONORA VICARIO, DIRETTRICE ORGANIZZATIVA DEL CONCORSO LIRICO “JOLE DE MARIA”

 
eleonora vicario
eleonora vicario
eleonora vicario

 
Scheda
 

Genere:
 
Regia
 
 
 
 
 


 
Cast
 
 
 
 
 


 
Musiche
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
2 total ratings

 


In breve

“Questo progetto – sostiene la direzione artistica Irene Bottaro – nasce per porre l’accento sulla Ricerca per sconfiggere il cancro, per divulgare la conoscenza della musica lirica e per sostenere nuovi talenti musicali. Inoltre, intendiamo promuovere Enti e Aziende che contribuiscono alla riuscita del progetto, favorendo la valorizzazione di Monterotondo, a 25 chilometri da Roma, poggiato su una collina che domina la valle del Tevere, con una lunga tradizione in campo musicale, collegandolo maggiormente all’Europa e stimolandone la crescita economica. Infine, vogliamo ricordare Jole De Maria, artista lirica morta di cancro nel 2007, che ha cantato in grandi teatri internazionali”.

0
Posted 8 febbraio 2015 by

 
Recensione completa
 
 

E’ aperta la nuova terza edizione del famoso “Concorso Lirico Internazionale Jole De Maria” che si terrà a Monterotondo (Roma) presso il Teatro Comunale Ramarini dal 24 al 27 giugno 2015 e dedicato ai cantanti lirici di tutti i registri vocali.

Il concorso è a cura dell’Associazione Culturale Arcipelago, con direzione artistica di Irene Bottaro e l’organizzazione di Eleonora Vicario ed è proprio quest’ultima cui rivolgiamo diverse domande:

E’ ormai la terza edizione del concorso Lirico internazionale di Jole De Maria cosa è cambiato rispetto alla prima edizione?

Eleonora Vicario: Siamo sicuramente diventati più esperti nell’organizzazione del Concorso e nel pubblicizzare l’evento. La mia esperienza organizzativa nasce con l’orchestra jazz Numinoso ensemble, diretta dal M° Stefano Rotondi e che suona dal 2001 per raccogliere fondi per la Ricerca sul cancro; già questa responsabilità per me, che sono un medico attivo nella mia professione, è sempre stata molto impegnativa. Iniziare da zero ad organizzare il Concorso lirico non mi sarebbe stato possibile senza l’aiuto fondamentale del mezzosoprano Irene Bottaro, nostro Direttore artistico. Potete comunque vedere il nostro nuovo bando, che scade il 18 giugno prossimo, al link www.concorsoliricojoledemaria.eu e cercarci su facebook dove pubblichiamo news e curiosita’!

Com’ è cambiato il mondo della musica lirica in questi tre anni?

Eleonora VicarioSi è vista purtroppo una decrescita delle possibilità d’impiego dei cantanti lirici. Spesso i solisti vengono sottopagati  o addirittura non pagati tanto che, per questo motivo, molti di loro sono in causa con i teatri. Abbiamo seguito tutti sui giornali le vicende del coro del Teatro dell’Opera di Roma, ora  reinserito con una riduzione dei diritti.

Come è stato ed è accolto questo concorso a livello internazionale?

Eleonora VicarioSiamo stati molto felici nel vedere la risposta dei cantanti al nostro invito: ci hanno raggiunto da moltissime nazioni e non solo europee. Hanno affrontato lunghi spostamenti per ripartire subito dopo la fine del Concorso dal Giappone, dagli Stati Uniti, da Hong Kong… pieni di entusiasmo e di aspettative, per essere ascoltati dagli illustri personaggi della Giuria.

C’è molta differenza dall’interesse suscitato da questa manifestazione in Italia rispetto al resto del mondo?

Eleonora VicarioTemevamo che in Italia si fosse affievolito l’interesse per la lirica e invece siamo stati smentiti dalle iscrizioni: molti ragazzi italiani e da tutte le regioni, senza differenza tra Nord e Sud della Penisola. Tutti, tra l’altro, ben preparati.

Il concorso è nato per valorizzare la città di Monterotondo, ma perché avete scelto di realizzare un concorso lirico invece che di altro tipo, per esempio sportivo o cinematografico tanto in voga negli ultimi anni?

Eleonora Vicario:Forse proprio perché sono molte le rassegne sportive e cinematografiche anche a Monterotondo; abbiamo cercato di allargare l’interesse culturale proponendo una manifestazione che a Monterotondo ancora non era stata presentata. Abbiamo visto che la cittadina ha risposto sia come presenza di pubblico che come amministrazione comunale, infatti anche quest’anno l’Assessore alla cultura Riccardo Varone e il Consigliere comunale Simone Di Ventura sono al nostro fianco.

Il premio è dedicato alla cantante Jole De Maria, chi era per voi e cosa ha dato alla città di Monterotondo e ai suoi organizzatori?

Eleonora VicarioJole De Maria era la sorella di mia madre ed è stata una cantante lirica che ha molto lavorato negli anni ’50 e ’60 sia in Italia che all’estero ma ha interrotto bruscamente il suo rapporto con i teatri per motivi familiari, proprio nel momento di maggiori possibilità di successo. Riteniamo che sia giusto ricordarla per il grande impegno dedicato alla musica e proprio qui perché ha vissuto per alcuni anni della sua vita vicino a Monterotondo. Il suo ricordo ci ha permesso di donare un’esperienza importante ai cantanti intervenuti e a quelli che parteciperanno, di dare a Monterotondo una possibilità in più di essere conosciuta in tutto il mondo e a noi organizzatori il piacere di aver stimolato cultura.

Cosa cercate e valutate nei cantanti oltre alle capacità vocali?  

Eleonora Vicario:Le capacità tecniche e vocali sono fondamentali ma nei cantanti cerchiamo anche la buona dizione, la capacità espressiva e quella scenica. In questo saranno aiutati dall’azienda Annamode che offrirà un costume di scena relativo al brano d’opera presentato, ad ognuno degli otto finalisti.

Attraverso questa manifestazione sostenete la ricerca sul cancro, come mai questa scelta di sostenere l’A I R C?

Eleonora VicarioJole De Maria è morta di cancro e sempre più spesso ognuno di noi conosce il dolore che questa patologia procura. Abbiamo scelto nel 2013 di consegnare quanto raccolto all’A.I.R.C. perché la riteniamo un’associazione seria che sostiene veramente i nostri ricercatori. Nel 2014 abbiamo sostenuto invece la Fondazione Carlo Ferri che si occupa, nel territorio, della prevenzione del cancro. Anche quest’anno, durante gli spettacoli delle quattro serate del Concorso lirico, regaleremo libri e dischi a chi farà un’offerta per la Ricerca.

Quali ostacoli avete incontrato mentre preparavate e organizzavate questo evento?

Eleonora Vicario:Le difficoltà sono essenzialmente economiche; quest’anno, oltre al sostegno del Comune di Monterotondo, un gruppo di imprenditori della zona ha deciso di aiutarci economicamente così siamo certi di poter donare al pubblico uno spettacolo più articolato. Speriamo così di ottenere ancora maggiore partecipazione alla nostra raccolta di fondi per la Ricerca.

Come reagisce il pubblico a questa manifestazione, dato che è il pubblico a decidere il vincitore?

Eleonora Vicario:La nostra Giuria decreta i vincitori ma abbiamo voluto aggiungere anche un vincitore scelto dal pubblico. Nella prima edizione il pubblico presente nella piazza principale di Galati Mamertino, in provincia di Messina, ha partecipato con calorosi applausi alle esibizioni dei finalisti ed ha potuto votare tramite una radio privata. Nel 2015, a Monterotondo, è stato direttamente il pubblico presente che ha scelto la sua vincitrice mentre la Giuria era riunita per fare la sua valutazione. Anche quest’anno è prevista la votazione del pubblico in sala, oltre a quella “ufficiale” dei nostri Giurati.

Avete mai pensato di proporre agli artisti vincitori la realizzazione di un’opera lirica o operetta a chiusura della manifestazione?

Eleonora Vicario:E’ un nostro desiderio così come organizzare una Masterclass da offrire al vincitore del primo premio. Speriamo di poter realizzare i nostri desideri, se non quest’anno, nella prossima edizione.

Il desiderio è quello di sostenere i nuovi talenti e divulgare la musica lirica, è solo un’impressione o l’Italia e il suo grande pubblico ha un po’ perso il gusto per questo genere di musica? oppure il lento abbandono del pubblico è un fenomeno che si sta diffondendo in Europa allo stesso modo e livello che in Italia?

Eleonora Vicario:C’è stato un periodo (negli anni ’80) nel quale la lirica era diventata un prodotto di nicchia ma, per fortuna,  in Italia sta rifiorendo. Nelle altre nazioni –non solo europee ma anzi in Giappone e in Corea, ad esempio- la lirica è in piena espansione e l’Italia è una meta di questi giovani cantanti che scelgono di coltivarla proprio nei luoghi dove è nata. Vogliono imparare anche la nostra lingua per perfezionare la loro dizione e capire i testi, migliorando di conseguenza la capacità espressiva.

Ci saranno cantanti provenienti anche dall’Europa o da altre parti del mondo tra i partecipanti? 

Eleonora Vicario: Negli scorsi anni sono arrivati cantanti da Cina, Giappone, Russia, Stati Uniti, Corea, Austria, Spagna, Germania, Croazia, Polonia, Kazakstan, Bulgaria, Singapore e, naturalmente, Italia.Siamo fiduciosi di poter ricevere anche in questa edizione iscrizioni da cantanti di paesi lontani, oltre che dai nostri studenti.


Oltre al comune di Monterotondo ci sono state altre istituzioni che vi stanno supportando o appoggiando? anche a livello europeo, oltre che italiano?

Eleonora VicarioLo scorso anno abbiamo ricevuto una medaglia dal Presidente della Repubblica come riconoscimento della nostra attività; inoltre alcune Ambasciate si sono ripromesse di attivare delle borse di studio per far partecipare al nostro Concorso i migliori studenti delle rispettive nazioni.

C’è una frase o un pensiero di Jole De Maria che vi ha fatto da faro o vi ha ispirato durante la progettazione e la realizzazione di questo concorso?

Eleonora Vicario:Più che una frase, ci ha ispirato il suo esempio e la sua tenacia: nonostante fosse ormai ammalata, non ha mai smesso di studiare fino ai  suoi ultimi giorni. Questo con lo scopo di affinare sempre più la tecnica che le aveva permesso -nello stesso concerto dal vivo- di passare agilmente  da mezzosoprano a soprano lirico leggero, alternando tutte le voci intermedie, senza mai perdere in qualità.

Avete per caso qualche episodio capitato nelle edizioni passate che avete piacere di ricordare e condividere?

Eleonora Vicario:La ricerca affannosa di posti per ospitare i Giurati, i cantanti e i loro familiari nel piccolo centro di Galati Mamertino, per la nostra prima edizione. E’ stata forse la parte organizzativa più complicata!

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)