non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

PROGRAMMAZIONE MOSTRE AL MACRO DI VIA NIZZA ANNO 2015

 
Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
2 total ratings

 


Bottom Line

Il MACRO, museo del Sistema Musei Civici di Roma, si conferma polo centrale del contemporaneo, consolidando il proprio rapporto con la città e con la scena nazionale e allargando fortemente i propri orizzonti verso la scena internazionale. Nell’ambito della sua nuova programmazione il museo intende rafforzare sempre più il suo rapporto con la città, esplorando e valorizzando l’arte prodotta a Roma, dai maestri del Novecento agli artisti emersi negli anni Novanta, fino ai più recenti esempi di Street Art. A tale scopo il MACRO sta mettendo appunto accordi con alcune tra le istituzioni più attive che operano a Roma nell’ambito del contemporaneo: l’Accademia di Belle Arti, la Facoltà di Architettura dell’Università Roma 3, l’Istituto Europeo di Design, il MAXXI, l’Università LUISS, il Centro Sperimentale di Cinematografia/Cineteca Nazionale.Tra le aspirazioni del MACRO vi è senz’altro quella di confermarsi come centro dell’arte contemporanea internazionale. Nei suo spazi espositivi di Via Nizza, così come quelli di Testaccio, si svolgeranno mostre di artisti stranieri che hanno maturato una relazione speciale con Roma. Saranno inoltre realizzate importanti mostre in collaborazione con Ambasciate estere e gli Istituti culturali stranieri e avviate relazioni con i maggiori centri d’arte contemporanea d’Europa e del mondo per favorire coproduzioni di progetti espositivi e scambi d’iniziative.

0
Posted 25 marzo 2015 by

 
Full Article
 
 

Mostre

dal 27 marzo 2015

 

100 SCIALOJIA

in collaborazione con la Fondazione Scialoja e l’Accademia delle Belle Arti di Roma  27 marzo (inaugurazione) – 6 settembre 2015  Sala Enel #1

La mostra, articolata in due parti (“100 Scialoja” da marzo 2015  e “Gli amici di Scialoja” da maggio 2015) intende celebrare u artista cardine della cultura artistica romana e internazionale de Novecento. La poliedrica figura di Scialoja sarà indaga attraverso l’esposizione di importanti opere provenienti dallaFondazione Scialoja, da collezioni pubbliche e dalla sua stessa casa. La mostra abbraccerà l’intero percorso artistico del maestro dagli anni Quaranta in poi, partendo dalla pittura fino alle creazioni per il teatro, accanto al suo lavoro nella letteratura nella grafica per l’infanzia, tra opere note e pezzi inediti.

 

dal 16 aprile 2015

NAKIS PANAYOTIDIS

a cura di Bruno Corà in collaborazione con il Kunst Museum di Berna 16 aprile (inaugurazione) – 13 settembre 2015 Project room #2

L’artista greco, legato al linguaggio dell’Arte Povera, presenta una selezione cronologica di opere – sculture, installazioni, dipinti, disegni, fotografie – a partire dai suoi primi lavori degli anni ’70. Ha partecipato a numerose esposizioni internazionali ed è presente nelle collezioni dei più importanti musei svizzeri.

 dal 14 MAGGIO 2015

I BELGI. BARBARI E POETI

a cura di Antonio Nardone in collaborazione con l’Ambasciata del Belgio in Italia 14 maggio (inaugurazione) – 13 settembre 2015 Sala Bianca

I maggiori artisti del XX secolo e del XXI secolo concorrono a delineare una panoramica sull’arte e la cultura belga nelle sue molteplici declinazioni, mettendone in luce il carattere iconoclasta, ironico e poetico. Horum omnium fortissimi sunt Belgae è il passo del De Bello Gallico di Giulio Cesare cui è ispirato il titolo della mostra, a sottolineare l’antico legame tra il Belgio e Roma.

 

MARINELLA SENATORE – Jammin’ Drama Project

in collaborazione con AMACI 14 maggio (prima) – 30 maggio 2015 Sala Cinema

In collaborazione con l’Associazione Musei d’Arte Contemporanea, sarà presentato il video della giovane artista italiana già presente in numerose collezioni pubbliche e inserita in molte manifestazioni internazionali, come la Biennale di Venezia. Liberamente ispirato al lavoro di Tim Rollins condotto negli anni 80 nel South Bronx, dove coi suoi studenti aveva sviluppato una strategia di collaborazione denominata jammin’, innescando processi di coinvolgimento dei membri a partire dalla propria storia, Jammin’ Drama Project è un progetto partecipativo che ha coinvolto oltre 150 cittadini della comunità ispanica e afro-americana di Harlem, NYC.

 

dal 20 MAGGIO 2015

GLI AMICI DI SCIALOJA

in collaborazione con la Fondazione Scialoja e l’Accademia di  Belle Arti di Roma 20 maggio (inaugurazione) – 6 settembre 2015

La mostra indaga le relazioni tra Toti Scialoja e gli artisti, soprattutto stranieri, che il maestro ha incontrato durante la sua lunga carriera. Attraverso scambi di opere e collaborazioni, questi rapporti hanno permesso la costituzione di una preziosa collezione, che verrà presentata al pubblico in un percorso ragionato. Dalle opere che Afro e Burri hanno donato a Scialoja, fino ai lavori degli americani Cy Twombly, Alexander Calder, dell’olandese De Kooning, e di Gorky Arshile.

OMAGGIO A CARLA ACCARDI

a cura di Giuseppe Appella in collaborazione con l’Archivio Accardi Sanfilippo 20 maggio (inaugurazione) – 6 settembre 2015

A poco più di un anno dalla sua scomparsa, il MACRO rende omaggio a Carla Accardi. Siciliana di origine, romana d’adozione, la Accardi ha animato la scena artistica romana e internazionale per oltre cinquant’anni. L’iniziativa si configura come un itinerario sulla ricerca dell’artista attraverso opere su carta che documentano il suo lavoro dagli anni ’40 al XXI secolo. L’iniziativa prende spunto dalle opere dell’artista presenti nella collezione del MACRO e si arricchisce di alcune preziose lettere, documenti e fotografie oltre a opere su carta, in parte

 

OPERE DELLA COLLEZIONE MACRO #1 L’altrove. Donne Arte e Identità

a cura di Antonia Arconti e Paola Coltellacci 20 maggio (inaugurazione) – 8 novembre 2015

Il progetto apre un nuovo ciclo di mostre, in uno spazio appositamente dedicato, che intende valorizzare la collezione permanente del Macro, una consistente raccolta formatasi con opere che datano dagli anni Sessanta in poi. Con questo primo appuntamento il focus si concentra sulle donne artiste, presenza molto significativa nella collezione, con personalità appartenenti a diverse generazioni e correnti. Le artiste proposte rappresentano una prima selezione che evidenzia sia la grande varietà di ricerche sia possibili percorsi di affinità: Benedetta Bonichi, Elisbetta Catalano, Lia Drei, Isabella Ducrot, Giosetta Fioroni, Avish Khebrehzadeh, Maria Lai, Rosanna Lancia, Titina Maselli, Elisa Montessori, Cloti Ricciardi, Amparo Sard, Sissi, Alessandra Tesi.

 

APPUNTI DI UNA GENERAZIONE #1 GIUSEPPE PIETRONIRO – ANDREA SALVINO

a cura di Costantino D’Orazio 20 maggio (inaugurazione) – 26 luglio 2015 Studio #1 Studio #2

Parte con questa mostra una ricerca dedicata agli artisti romani e italiani che hanno esordito sulla scena artistica all’inizio degli anni Novanta. Si tratta in particolare di giovani che si sono trovati a lavorare subito dopo la generazione che ha goduto dei grandi successi degli anni Ottanta e subito prima della generazione che nel XXI secolo ha potuto sfruttare la maggiore attenzione all’arte giovane da parte delle istituzioni pubbliche e le numerose residenze d’artista emerse in tutto il mondo. Per motivi di età e di contesti, il lavoro di questi artisti non ha ancora avuto il giusto riconoscimento da parte dei musei, che non hanno mai dedicato loro una mostra personale.

dal 8 OTTOBRE 2015

 

FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma XIV Edizione: IL PRESENTE

a cura di Marco Delogu 8 ottobre 2015 (inaugurazione) – 17 gennaio 2016

Il MACRO ospita la nuova edizione del Festival Fotografia, una delle vetrine più riconosciute a livello internazionale per gli artisti e i fotografi professionisti. La mostra, che ogni anno affronta un tema particolare, si snoda all’interno degli spazi del MACRO Via Nizza abbracciando un ampio spettro di linguaggi e stili, ferma restando la tecnica fotografica. “In un mondo in costante e repentina accelerazione – scrive il curatore Marco Delogu – la pratica fotografica, i cui meccanismi di produzione e di distribuzione sono ormai pressoché immediati, si presenta come arte privilegiata per fissare e definire il presente, per osservarlo e per delimitarne i confini”.

 

KOKI TANAKA opere dalla Collezione Deutsche Bank

8 ottobre (inaugurazione) – 15 novembre 2015  Sala Bianca

Dopo la mostra di Tobias Rehberger, continua la collaborazione tra MACRO e Deutsche Bank. Ogni anno Deutsche Bank nomina un “artista dell’anno” grazie alla selezione operata da un comitato di esperti di livello internazionale. La scelta del 2015 è caduta sul giovane artista giapponese Koki Tanaka, autore di installazioni e performance che prevedono il coinvolgimento del pubblico, perché con il suo lavoro “incoraggia la condivisione e la produzione di un senso comune di cooperazione e di creatività tra i partecipanti attraverso un approccio innovativo nel tentativo di esplorare le problematiche legate alla costruzione di una società”.

ALMANACH

a cura di Lorànd Hegyi 8 ottobre 2015 (inaugurazione) – 17 gennaio 2016 Project Room #1 e #2

La mostra presenta diverse visioni estetiche e metodi artistici nell’ambito del disegno contemporaneo, dal paesaggio al tema del viso e del ritratto; dalla tematica del frammento alle forme sociali. Artisti presenti in mostra: Arpaïs du bois, Ruth Barabash, Massimo Barzagli, Frauke Boggasch, Matt Bollinger, Davide Cantoni, Gianni Caravaggio, Guglielmo Castelli, Rolando Deval, Matias Duville, Laszlo Feher, Salvatore Garau, Ugo Giletta, Franz Graf, Erich Gruber, Jana Gunstheimer, Allison Hawkins, Domenika Horakova, Marine Joatton, Nestor Kovachev, Denica Lehocka, Iris Levasseur, Felice Levini, Christian Lhopital, Christiana Löhr, Peter Martensen, Muntean/Rosenblum, Francoise Petrovich, Agathe Pitié, Laszlo L. Revesz, Fabian Seiz, Serse, Zsofi Szemzö, Barthelemy Toguo, Sandra Vasquez de la Horra, Lois Weinberger.

ARTISTI IN RESIDENZA: LA MOSTRA

8 ottobre (inaugurazione) – 15 novembre 2015 Studio #1 – Studio #2

L’esperienza delle residenze d’artista al MACRO ha permesso la creazione di un circuito virtuoso di giovani artisti che hanno soggiornato, lavorato ed esposto all’interno del museo. Nell’ambito della promozione dell’arte più sperimentale, il MACRO ha in animo di continuare questa iniziativa, che prevede la pubblicazione di un bando internazionale e la selezione di due artisti all’anno, che potranno usufruire delle strutture del museo ed entrare in contatto con la città e la sua scena artistica. L’edizione 2015 prevede una residenza di sei mesi presso il MACRO.

dal   26 NOVEMBRE 2015

 

OPERE DALLA COLLEZIONE MACRO #2 EGOSUPEREGOALTEREGO

a cura di Claudio Crescentini sezione video a cura di Marco Fabiano in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia/Cineteca Nazionale 26 novembre 2015 (inaugurazione) – 22 maggio 2016 Sale Collezione

Continua il ciclo di mostre dedicato alla valorizzazione della collezione MACRO. In questo caso sarà approfondito il tema della autorappresentazione e del ritratto, per trovare possibili connessioni con la pratica contemporanea del selfie, che gli artisti del secolo scorso hanno anticipato attraverso i loro capolavori. Alla mostra sono abbinate una serie di pomeriggi di video-proiezione presso la Sala Cinema dedicati ai grandi maestri della video art italiana.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)