non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IMAGO MUNDI CON LUCIANO BENETTON

 
Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
1 total rating

 


Bottom Line

L’esposizione romana, somma di stili, fermenti, voci, storie, produzioni dei diversi Paesi africani, rappresenta una nuova tappa del progetto Imago Mundi, che punta a coinvolgere 100 Paesi entro il 2015. L’obiettivo principale è costruire e portare nel futuro una mappa visiva delle culture umane, promuovendo gli artisti attraverso i cataloghi, la piattaforma www.imagomundiart.com, e la partecipazione a rassegne ed esposizioni internazionali, in collaborazione con istituti privati e pubblici, come la Biennale di Venezia, nel 2013, la Dak’Art Off, in Senegal e il Museo Casa dei Carraresi a Treviso nel 2014. Fino al 25 gennaio 2015 Imago Mundi sarà presente con una mostra presso il Noma di New Orleans (Louisiana, Stati Uniti) e all’inizio del 2015, sarà al Palazzo d’Inverno – Museo Belvedere di Vienna.

0
Posted 19 novembre 2014 by

 
Full Article
 
 

“Anche il leone deve avere chi racconta la sua storia. Non  solo il cacciatore”. Imago Mundi, il progetto artistico globale  promosso da Luciano Benetton e dalla Fondazione Benetton Studi  Ricerche, ha fatto propria questa suggestiva metafora ripresa  dallo scrittore nigeriano Chinua Achebe, raccogliendo  13 collezioni di arte contemporanea di 16 Paesi dell’Africa.  Ne è nato un inedito, ricco e affascinante racconto visivo  realizzato esclusivamente da artisti africani, affermati e giovani  scoperte: un contributo alla riflessione su un’estetica africana  che, superando pregiudizi e stereotipi, rappresenti le diversità  etniche, sociali, geografiche e culturali di un intero continente.

Le collezioni contemporanee di Egitto, Eritrea, Etiopia,  Gambia, Kenya, Marocco, Mauritania, Mozambico, Senegal, Somalia,   Sudafrica, Sudan, Tanzania, Tunisia, Zanzibar, Zimbabwe – oltre  2.000 opere 10×12 centimetri, riunite sotto il titolo L’Arte  dell’Umanità – sono esposte a Roma, dal 20 novembre 2014 all’11  gennaio 2015, presso il Museo Carlo Bilotti (Aranciera di Villa  Borghese), in collaborazione con Roma Capitale, Assessorato  alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza  Capitolina ai Beni Culturali, e con il Ministero degli Esteri  italiano.

«Questa rassegna è un viaggio in un continente giovane e antico,  la cui arte – meticcia, ibrida, intensa – può rappresentare un  volano di sviluppo delle comunità africane e una sollecitazione  urgente a rinfrescare l’estetica occidentale», afferma Luciano   Benetton.«Di fronte a queste opere, il segreto della loro bellezza, quello  che tutti gli altri racchiude, si manifesta nella nostra mente  come una folgorante rivelazione: l’arte africana commuove, agita,  coinvolge, mette in movimento. Penso che partendo da lontano,  il lavoro degli artisti africani ci parli del mondo che verrà». Con l’esposizione di Roma, Imago Mundi ha il compito rilevante  di rappresentare il ruolo decisivo dell’arte e della cultura per  lo sviluppo del continente africano, nell’ambito dell’iniziativa  Italia-Africa, progetto in corso da parte del Ministero degli  esteri italiano, che si concluderà con una Conferenza ministeriale  nel 2015.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)