non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

ICONE DEL DESIGN ITALIANO: MICHELE DE LUCCHI

 
Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
no ratings yet

 


Bottom Line

Prosegue il ciclo di mostre dedicato alle Icone del Design Italiano negli spazi del CreativeSet del Triennale Design Museum.
Triennale Design Museum presenta negli spazi del CreativeSet un nucleo di icone dalla Collezione Permanente del Museo, arricchito dal 18 novembre dalla selezione di Michele De Lucchi, invitato a indicare gli oggetti per lui necessari e imprescindibili della storia del design italiano.

0
Posted 17 novembre 2014 by

 
Full Article
 
 

Così Michele De Lucchi racconta la sua selezione:
Franco Albini, LB7, 1957, Poggi
“Non si attacca ai muri, funziona da libreria, paravento, divisorio. È perfettamente componibile, flessibile, trasportabile, funzionerà sempre. I dettagli costruttivi di Albini, soprattutto nelle colonne, seppur tipici degli anni Cinquanta sono così puri ed essenziali che superano le periodiche iconografie del design”.

Ettore Sottsass, Carlton, 1981, Memphis
“Sottsass ha sempre costruito aggiungendo per addizione, sovrapponendo elemento a elemento, mattone su mattone, traverso su traverso. La costruzione è una meraviglia di equilibrio compositivo e di incanto divertito. L’uomo non la smetterà mai di costruire e giocare”.

Achille Castiglioni, Pio Manzù, Parentesi, 1970, Flos
“La Parentesi di Castiglioni dimostra come il movimento, la flessibilità e l’adattabilità della lampada possano essere uno stimolo progettuale sufficiente per un disegno che tanto più è semplice tanto più è geniale e risolutivo”.

Vico Magistretti, Silver, 1989, DePadova
“Magistretti in tutto il suo lavoro ci ha fatto vedere quanto meravigliose sono le cose antiche e quanto siano adatte anche al mondo di oggi. Vanno semplicemente aggiornate nei materiali e nelle tecnologie costruttive”.

Bruno Munari, Le forchette di Munari, 1959 (2000), Muggiani (Corraini)
“Munari ha fatto diventare i libri un oggetto di design”.

Super Icona
Carlo Mollino, Scrivania per Casa Orengo, 1949
Collezione Bruno Bischofberger. Courtesy Museo Casa Mollino
“Mollino con la passione per lo sci e per il volo ha anticipato tutti gli stili aerodinamici e bolidisti. Non c’è certo bisogno di velocità in una scrivania ma le forme che derivano dalla struttura sono le più essenziali e le più adatte a rappresentare lo spirito della contemporaneità”.

Biografia
Architetto. È stato tra i protagonisti di Alchimia e Memphis. Ha sviluppato lampade e arredi per le più importanti industrie italiane, come Artemide, Olivetti, Alias, Unifor. Ha ristrutturato edifici per Enel, Olivetti, Piaggio, Poste Italiane, Telecom Italia, Zambon.
Ha curato molti allestimenti di mostre d’arte e design e progettato edifici per musei come  la Triennale di Milano, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Neues Museum di Berlino. Il lavoro professionale è stato sempre accompagnato dalla ricerca personale sui temi della tecnologia e dell’artigianato. Nel 1990 ha creato Produzione Privata, nel cui ambito disegna prodotti che vengono realizzati impiegando tecniche artigianali. Dal 2004 scolpisce “casette” in legno con la motosega per cercare l’essenzialità della forma architettonica. Una selezione dei suoi oggetti è esposta nei più importanti musei del mondo.

Icone del Design Italiano
4 aprile 2014 – 22 febbraio 2015
Triennale Design Museum, CreativeSet
A cura di Silvana Annicchiarico, Direttore Triennale Design Museum
Progetto di allestimento Antonio Citterio Patricia Viel Interiors

Selezioni di:
Enzo Mari   3 aprile / 4 maggio 2014
Cini Boeri    6 maggio / 8 giugno 2014
Mario Bellini  10 giugno / 13 luglio 2014
Andrea Branzi  15 luglio / 31 agosto 2014
Nanda Vigo                       2 settembre / 28 settembre 2014
Alessandro Mendini 30 settembre / 19 ottobre 2014
Ugo La Pietra  21 ottobre / 16 novembre 2014
Michele De Lucchi  18 novembre / 14 dicembre 2014
Gaetano Pesce  16 dicembre 2014 / 18 gennaio 2015
Antonio Citterio  20 gennaio / 22 febbraio 2015

Orari
martedì-domenica 10.30-20.30
giovedì 10.30-23.00
Ingresso 2 euro
Triennale Design Museum + Icone 8 euro

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)