non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

MONNEZZA AMORE MIO

 
monnezza amore io
monnezza amore io
monnezza amore io

 
Scheda
 

Stile
 
 
 
 
 


 
Contenuto
 
 
 
 
 


 
Piacevolezza
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
0/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

L’infanzia a Cuba, il suicidio del padre epoi il successo in Italia con Monnezza, il beniamino del cinema poliziesco anni 70. Una vita di sogni e ferite. L’autoritratto spietato di un’icona del cinema.

0
Posted 22 settembre 2014 by

 
Recensione completa
 
 

Tomas Milian, uno degli interpreti più amati del cinema italiano racconta la propria vita, partendo proprio dal personaggio a cui deve il proprio successo: “Er Monnezza”, soprannome di Sergio Marazzi, è un personaggio fittizio, creato dallo sceneggiatore Dardano Sacchetti e dal regista Umberto Lenzi. Una serie composta da “Il trucido e lo sbirro” del 1976 diretto da Umberto Lenzi, “La banda del trucido” del 1977 diretto da Stelvio Massi, “la banda del gobbo” del 1977 diretto da Umberto Lenzi. Un personaggio che da poco con “Il ritorno del Monnezza” del 2005 diretto da Carlo Vanzina.  Un personaggio che ha fatto ridere e divertire, che ha unito amici e parenti davanti alla televisione e al grande schermo.

“Roma è una strana città. È eccessiva, ma generosa, accoglie il nuovo arrivato, ma non gli chiede eterna fedeltà. Non le interessa che i «forestieri» sposino le sue antiche tradizioni, e loro raramente ne assorbono i vezzi, il dialetto, lo spirito: il più delle volte, a Roma il siciliano resta siciliano, il napoletano napoletano e – soprattutto – il milanese milanese. Eppure il Monnezza, personaggio simbolo della romanità al cinema, l’ha inventato un cubano scappato da L’Avana, passato per l’Actors Studio di New York (dove si esercitava al fianco di Marilyn Monroe e Marlon Brando) e sbarcato in Italia quasi per caso. Tomas Milian non ha bisogno di presentazioni: oltre cinquant’anni di carriera cinematografica, un’impressionante capacità di reinventarsi in ruoli sempre diversi, una lunga serie di successi al botteghino e una vasta schiera di appassionati che intorno a lui ha creato un vero e proprio fenomeno di culto. Ma se del Monnezza si sa tutto (o quasi), dell’uomo dietro alla maschera si sa ben poco. In queste pagine Milian racconta per la prima volta la sua infanzia cubana, il trauma di un bambino che assiste al suicidio del padre, la giovinezza da playboy nella Cuba bene, la scoperta del cinema, la fuga negli Usa, la difficile vita da «uomo da marciapiede» a New York, l’arrivo in Italia e tutto quell’incontrollabile flusso di eventi che ha portato un giovane attore senza radici a lasciar perdere il suo sogno.”

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)