non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

L’ALTRA SETE

 
l'altra sete
l'altra sete
l'altra sete

 
Scheda
 

Autore:
 
Editore:
 
Pagine:
 
Stile
 
 
 
 
 


 
Contenuto
 
 
 
 
 


 
Piacevolezza
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
3 total ratings

 


In breve

In un romanzo corale che ritrae l’apatica frenesia di una generazione che ha messo i sogni in un cassetto senza rassegnarsi mai, Alice Torriani inventa un alfabeto poetico e originalissimo per raccontare di sé, della sua malattia, dei malesseri del nostro Tempo in una storia a stazioni che sa commuovere e divertire.

0
Posted 12 dicembre 2014 by

 
Recensione completa
 
 

“Siamo dietro gli angoli, nei nascondigli, come camaleonti tentiamo di acquistare il colore della normalità, siamo i bersagli al poligono di tiro dove noi stessi ci foriamo.”

Si chiama Alice e ha 27 anni. L’hanno sistemata in una clinica che ha il nome rassicurante di una Casa, ma non sa dire da quanto sia lì. Ha una voglia disperata di Luca. Luca che odora di buono, che la tiene per i fianchi e le sorride. Ma sono gli occhi glaciali di sua madre gli unici ad avere addosso. Insieme a quelli inquisitori del terapeuta, che non smette di fare domande.Perché il diabete, ripetono i medici, non è una malattia, è una Condizione. Bisogna imparare ad avvertire i tremori, i formicolii alla lingua e sulle gambe, ed essere pronti a bucare, caricare la piccola penna nera della glicemia come fosse una pistola e sparare. Alice non sa come sia possibile, alla sua età, abituarsi all’idea di non produrre abbastanza insulina, perché prima di ogni cosa deve fare i conti con l’assenza di Luca per capire come convivere con una mancanza che è, inevitabilmente, una dipendenza.

Estratto:

L’odore di disinfettante mi percuote la testa. Nel reparto c’è un silenzio irreale. E’ molto presto. Sono le sette. Forse. Forse no.
Guardo l’infermiera: ha un viso ottocentesco e picassiano insieme. Improvvisamente la vedo in uno spettacolo di burlesque, in guêpière, un reggicalze che dondola sulla coscia sinistra, il bocchino nero tra le labbra. Lo allunga verso di me, mi accorgo che è una siringa: l’infermiera mi sta mostrando due boccette di vetro con dentro un liquido trasparente.
– Questa è l’insulina lenta e devi farla alle otto tutte le sere, sempre alla stessa ora –
Insulina lenta, tutte le sere, la stessa ora: le parole mi grattano via la lucidità, è come se qualcuno avesse improvvisamente abbassato il volume della vita.
Più basso, più basso, più basso… Mi viene da dormire.
– Questa invece è l’insulina rapida, devi farla ogni volta che mangi, cinque minuti prima… Mi stai ascoltando? –
Più basso, più basso… Perché questo malriuscito prodotto dell’arte  non la smette di parlare e torna a fare i suoi spettacolini erotici?
L’infermiera aspira dalle boccette il liquido – Dieci unità di lenta e cinque di rapida… Devi controllare che non si formino bollicine e… – solleva la mia maglietta e avvicina l’ago della siringa alla pancia nuda.
– Che cazzo fai? –
In un attimo sono già sgattaiolata fuori dal controllo di me stessa. La siringa è per  terra. Guardo la mia mano, mi sono bucata. Guardo l’infermierina: ha gli occhi di chi ama compatire così può sentirsi più fortunata. E impeccabile, e perfetta.
– Non puoi continuare così, il dottor Assari  dice che se in una settimana non avrai imparato a farti le punture da sola… –
Mi viene da vomitare, ma vomiterei  solo quest’arido senso di nulla che ho incorporato al cuore. Mi chiedo che colore ha la tristezza, che forma avrebbe il conato di un malessere inestinguibile.
Mi alzo ed esco dalla stanza, lascio la mia infermierina a concludere la sua frase da sola, la sua radio accesa, nessuno ad ascoltarla.
Torno a letto: queste lenzuola sono l’unico posto in cui mi sento protetta, nonostante l’odore vago di detersivo, il tessuto ruvido, le coperte marroni dense dei passaggi precedenti. Ho una stanza da sola, ringrazio il borghese senso della dignità di mia madre…

 

Biografia:

Alice Torriani nasce nel 1984 a Milano. Si diploma all’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, il primo debutto è a teatro con Massimo Castri ne Le tre Sorelle, seguito da  Memorie dal Sottosuolo di Gabriele Lavia. Gira l’Europa con il regista lettone Alvis Hermanis, nel 2014 è diretta da Carmelo Rifici, è al fianco di Franca Valeri nell’ultimo testo per teatro scritto dall’attrice, e lavora con Romeo Castellucci in The Four Season Restaurant. Collabora con giovani registi teatrali come Industria Indipendente, Tea della Valle e Antonio Mingarelli. Al cinema è stata diretta da Lucio Pellegrini, Alina Marazzi, Valerio Mieli, Claudio Noce e Marco Maccaferri, il cui ultimo film, Il Buco è in uscita in primavera 2015. In tv ha preso parte a diverse serie tv, le ultime Il Commissario MontalbanoLe mani dentro la città Una grande famiglia 3. Continua la formazione con Luca Ronconi, Antonio Latella, Danio Manfredini, Margie Haber a Los Angeles e con Jordan Bayne a New York.


Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)