non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

UN MONDO FRAGILE

 
locandina-un-mondo-fragile
locandina-un-mondo-fragile
locandina-un-mondo-fragile

 
Scheda
 

Genere:
 
Regista:
 
Attori: , , , ,
 
Durata:
 
Sceneggiatura:
 
Direttore Della Fotografia:
 
Data Di Uscita Nelle Sale:
 
Titolo Originale:
 
Distribuzione:
 
Produzione: , , ,
 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
3.5/ 5


User Rating
no ratings yet

 

Pro


Intenso, rigoroso, essenziale ma elegante nella messa in scena, pregnante nei temi. Ottimamente recitato dai cinque personaggi principali.

Contro


La dilatazione dei tempi, il racconto scarnificato, e l'assenza di colonna sonora, potranno lasciare perplessa una certa fascia di pubblico.


In breve

Alfonso, contadino separato che ormai da tempo vive in città, torna dopo diciassette anni dalla sua famiglia, per accudire suo figlio malato. Al suo ritorno, l’uomo deve confrontarsi con l’ostilità della moglie, che non gli ha mai perdonato l’abbandono di allora, con una nuora e un nipote che non ha mai conosciuto, ma soprattutto con un paesaggio che è drammaticamente cambiato: vaste piantagioni di canna da zucchero hanno ricoperto i dintorni della casa, mentre nell’aria si respira costantemente la cenere provocata dagli incendi appiccati per lo sfruttamento dei campi. Mentre le condizioni del figlio di Alfonso, Gerardo, si aggravano, sua moglie e sua nuora sono sempre più in difficoltà, anche a causa dei mancati pagamenti per il lavoro che svolgono nei campi. Per la ricostituita famiglia si pone una drastica alternativa: lasciare la misera vita di campagna, sperando così di veder migliorare la salute di Gerardo, o restare attaccati alle proprie radici, e a un territorio ormai depredato dall’avanzare del progresso.

0
Posted 22 settembre 2015 by

 
Recensione completa
 
 

Già presentato con successo nel corso della Semaine de la Critique dell’ultimo Festival di Cannes, Un mondo fragile rappresenta l’esordio nel lungometraggio per il regista colombiano César Augusto Acevedo (classe 1987). Un progetto nato da una tesi di laurea dello stesso regista, e incentrato su una dialettica tra le radici e l’avanzare del progresso che è particolarmente cara al cinema sudamericano. Il titolo originale del film (La tierra y la sombra) è ancora più esemplificativo delle intenzioni del regista, e del suo fulcro tematico: da un lato un territorio che rappresenta, per tutti i personaggi, il legame inscindibile con le proprie radici, un territorio che tuttavia è stato sconvolto e radicalmente modificato dal suo sfruttamento intensivo; dall’altro, l’ombra della memoria, un paesaggio ormai fantasmatico, più mentale che fisico, innervato dai ricordi di una vita (e di un mondo) che è stato e non è più. Un’ombra che è anche quella fisica dell’albero nel giardino della casa di Alfonso, ultimo baluardo di un passato che non vuole morire, testimone di una vita ormai definitivamente scomparsa; un’esistenza al cui fantasma, tuttavia, i protagonisti sono restii a rinunciare. Temi che il regista mette in scena con un’estetica scarna ma elegante, basata su una fotografia dai toni grigi e neutri, e sull’assenza di commento sonoro: a far emergere, grazie anche alle buone prove degli interpreti, i sentimenti e la geografia emotiva della famiglia, nei suoi smottamenti e nell’inevitabile cambiamento a cui si avvia.

Trailer:

PRO

Scarno nella narrazione, dilatato nel suo incedere, quasi claustrofobico nel suo essere tutto giocato su pochi ambienti (la casa, il giardino, le piantagioni di canna da zucchero), Un mondo fragile si avvale di una sceneggiatura intensa e calibrata, e di una regia perfettamente adeguata ai suoi intenti. Al suo esordio, Acevedo mostra una notevole consapevolezza del mezzo, non indugiando in virtuosismi ma mantenendo un perfetto controllo sull’immagine: il suo stile è asciutto e insieme magnetico, a partire dalla scelta di un digitale povero, che tuttavia esalta al meglio gli ambienti che ritrae. Le tonalità della fotografia si suddividono tra la cupezza costante degli interni, sempre nella penombra per difendere i personaggi dall’aria tossica che si respira fuori, e i colori sbiaditi degli esterni, di tanto in tanto (inquietantemente) contaminati dalla pioggia di cenere nera degli incendi. Questi ultimi, nel loro furore distruttivo, rappresentano l’unico accendersi cromatico di un paesaggio grigio e quasi apocalittico: un non luogo, fuori dallo spazio e dal tempo, triste simulacro di un universo che sopravvive solo nella memoria. A muoversi in esso, i cinque bravissimi interpreti, ripresi in lunghi piani sequenza, a dare l’idea di una memoria che (con la sua calcolata lentezza) si oppone a un progresso che avanza minaccioso, a ritmi vertiginosi.

CONTRO

In un esordio prezioso, intenso e rigoroso, possiamo evidenziare principalmente il carattere “respingente”, per molto pubblico, del registro scelto dal regista. L’essenzialità voluta, fortemente ricercata, di questo Un mondo fragile, lo evidenzia un po’ come un corpo estraneo nel contesto del cinema odierno (di quello mainstream principalmente, ma anche di molto cinema indipendente). Chi sia abituato a ritmi più intensi, ma anche a un’estetica più “urlata” e sopra le righe, potrebbe restare perplesso dalla costruzione visiva e narrativa del film, tutta nel segno dell’understatement (e in questo si inserisce anche l’assenza di colonna sonora). Una scelta che vuole valorizzare la natura di un film in cui la scrittura è l’elemento cardine, che si affida per il resto agli interpreti e ai segni con cui questi si confrontano, quelli sui loro volti e quelli nel territorio intorno a loro. Il film di César Augusto Acevedo va visto insomma adeguandosi ai suoi tempi, accettando di seguirne il battito e l’incedere.

GALLERY


Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)