non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

THE PILLS – SEMPRE MEGLIO CHE LAVORARE

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
3/ 5


User Rating
no ratings yet

 

Pro


Genuino nell'approccio, dall'humour surreale e a tratti irresistibile, puntellato da gustose citazioni cinematografiche.

Contro


Episodico, poco strutturato ed armonico, non capace di reggere al meglio la dimensione del lungometraggio.


In breve

Luigi, Matteo e Luca sono tre Peter Pan moderni. Si conoscono fin dall’infanzia, sono amici inseparabili e hanno stipulato un patto: tutto, fuorché accettare di lavorare. La loro, alla soglia dei trent’anni, è la programmatica perpetuazione dell’immobilismo post-adolescenziale. I tre, che condividono un appartamento alla periferia di Roma sud, passano le giornate fumando sigarette e spinelli, bevendo caffè e recitando a memoria le scene clou dei loro film preferiti. I trenta, tuttavia, sono un moloch che fa inquietudine, anche laddove si cerchi di ignorarlo. Il lavoro (e la maturità) hanno modi subdoli per far sentire il proprio richiamo… specie quando questo si accompagna all’amore. O a qualcosa che gli somiglia. Si può cambiare senza tradire gli amici?

0
Posted 23 gennaio 2016 by

 
Recensione completa
 
 

Sulla scia di altri fenomeni della galassia-Youtube (Frank Matano con le commedie di Ruffini e Genovesi, il ventenne FaviJ, aka Lorenzo Ostuni, nel fallimentare Game Therapy) il trio comico The Pills sbarca sul grande schermo. Lo fanno, i tre talentuosi artisti romani, forti di una popolarità costruita sul web anno dopo anno, a partire da quel 2011 in cui presentarono la loro omonima web-serie. Due stagioni di un prodotto in bianco e nero, fatto di sketch episodici quanto fulminanti, nutrito di un approccio onnivoro e sghembo alla cultura popolare (fatto di film d’autore e di genere, di fumetti, cartoni animati e serie televisive di ogni epoca). In mezzo, qualche apparizione televisiva (significativa quella a DJ TV) e un seguito di spettatori fedeli: che hanno saputo coglierne la genuina voglia di raccontare inquietudini e contraddizioni personali e collettive, rifiutando la banale categorizzazione “generazionale”.

Ora, con questo The Pills – Sempre meglio che lavorare, Matteo Corradini, Luigi Di Capua e Luca Vecchi (quest’ultimo anche regista) alzano il tiro: lo fanno portando al cinema i loro sketch, immutati nell’approccio ma inseriti nella struttura narrativa di un lungometraggio. Un prodotto che recupera la loro attitudine citazionista e autoironica, l’impeto graffiante e smitizzante nei confronti dei prodotti della cultura di massa, uniti all’abbozzo di una riflessione che, se non generazionale, vuole comunque avere una valenza generale. La descrizione (caricaturale, grottesca) è quella di un atteggiamento diffuso, spesso inconsapevole, verso la maturità; che stigmatizza tanto l’indifferenza delle generazioni pregresse, quanto la faciloneria borghese dei ritratti che, da Muccino, in poi si sono succeduti nel nostro cinema.

Trailer:

PRO

La simpatia dei The Pills, la corrosività a tratti geniale dei loro sketch, l’attitudine onnivora e dissacrante nei confronti di icone e simboli, arriva intatta sullo schermo: se ne apprezza la genuinità, insieme alla capacità di raccontarsi con pochi, fulminanti tocchi. Nella rappresentazione surreale, sopra le righe, della vita dei tre amici, non c’è moralismo né velleità di spaccato sociale: piuttosto, molta disillusione e la divertente, un po’ cinica presa di coscienza di appartenere a quello stesso contesto (sociale, ma anche, inevitabilmente, generazionale) che si vuole caricaturizzare. La genuina, im-mediata rappresentazione della periferia romana (con i suoi riti e la sua vitalità), si somma a un florilegio di citazioni cinematografiche: queste, vera e propria delizia per il cinefilo, spaziano da Le Iene a Batman Begins, passando per Fight Club e Clerks (ripreso nel bianco e nero dell’interno dell’abitazione) approdando alla riproposizione in chiave grottesca di una nota sequenza mucciniana. Da segnalare, anche, i riusciti inserimenti dei flashback, con l’alternanza della storyline principale alle significative sequenze che vedono protagonisti i tre piccoli alter ego dei protagonisti.

CONTRO

Nonostante le risate (a tratti irresistibili) che strappa, e l’evidente sforzo del gruppo di dare al tutto una struttura compiuta, The Pills – Sempre meglio che lavorare resta in parte vittima della sua natura episodica, fatta di sketch slegati tra loro e poco organizzati. La reiterazione di situazioni molto simili, in una durata di circa un’ora e mezza, finisce alla lunga per stancare, non supportata com’è da una sceneggiatura sufficientemente solida. Alcuni motivi del racconto, tra cui la love story del personaggio di Luca Vecchi, potevano trovare un maggiore approfondimento, mentre la conclusione della vicenda appare affrettata e poco soddisfacente. Il passaggio dalla dimensione dello sketch destinato al web, concentrato e dagli effetti di senso immediati, a quella di un prodotto più “pensato” e strutturato, non ha insomma sortito risultati perfetti.

GALLERY


Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)