non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

LA FUGA

 
la fuga 1
la fuga 1
la fuga 1

 
Scheda
 

Genere: ,
 
Regista:
 
Attori: , , , , , , , ,
 
Durata:
 
Direttore Della Fotografia:
 
Data Di Uscita Nelle Sale:
 
Titolo Originale:
 
Distribuzione:
 
Produzione:
 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
3.5/ 5


User Rating
1 total rating

 

Pro


Riuscito noir italiano con una forte componente melò, ben diretto ed emotivamente forte. Notevole l’interpretazione del protagonista Claudio Vanni.

Contro


Poco modulata e funzionale l’espressività della co-protagonista, Sveva Cardinale. Chi si aspettasse un puro noir d’azione, resterebbe inevitabilmente deluso.


In breve

Dopo una rapina in banca, Saverio Salesi, piccolo delinquente con precedenti per reati minori, mette in atto una rocambolesca fuga che lo porta a casa di una escort. L’uomo riesce a fingersi un cliente della prostituta, e a convincere quest’ultima a offrirgli riparo per l’intera nottata. Tuttavia, mentre saliva le scale per raggiungere l’appartamento, Saverio ha accidentalmente urtato un’inquilina del condominio, che più tardi ne ha riconosciuto l’identikit al telegiornale. La donna allerta così la polizia, che, guidata dal Commissario Dollorenzo e dall’ispettore Madanìa, giunge presto sul posto. Ma, ascoltando la notizia della rapina al telegiornale, Saverio si è reso conto con sgomento che, poco dopo il colpo, un uomo è morto per mano altrui: il giovane realizza così che, se si consegna, si ritroverà accusato di un omicidio che non ha commesso…

0
Posted 29 luglio 2017 by

 
Recensione completa
 
 

La locandina, dai colori e dal design seventies, parla abbastanza chiaro rispetto alle intenzioni e all’humus di appartenenza del nuovo lavoro di Stefano Calvagna. Un humus figlio di stagioni passate e mai dimenticate del nostro cinema, di cui la filmografia del regista/attore romano, da sempre dedito alle declinazioni più crude e umorali del “genere”, si è sempre volentieri nutrito. Non fa eccezione, quindi (e non potrebbe farla) questo La fuga, noir che segue un canovaccio classico, mutuato in parte da esempi d’oltreoceano (vengono in mente heist movie quali Quel pomeriggio di un giorno da cani) riletti però secondo una sensibilità tutta, orgogliosamente, nostrana.

L’impianto action a cui il film di Calvagna sembra inizialmente improntato sfocia infatti, successivamente, in una tensione psicologica che lascia emergere un’evidente componente melò. Ed è proprio questa componente, figlia del rapporto tra il personaggio di Claudio Vanni e quello della escort interpretata da Sveva Cardinale, a sostanziare più di tutte questo La fuga: un lavoro che fa del modo istintivo, immediato, privo di filtri con cui mette in scena le linee di tensione emotive tra i personaggi (principalmente i due protagonisti) la sua caratteristica vincente. Il “genere”, quindi, è riletto di nuovo secondo un’ottica che ribadisce la simpatia del regista per personaggi borderline, portatori di un’istintualità (la stessa che anima la messa in scena) che basta a renderli credibili.

Trailer:

PRO

Meno “pensato” di altri film di Calvagna (viene in mente l’esperimento metacinematografico di Cronaca di un assurdo normale), volutamente lontano dalla complessità narrativa di un biopic come Non escludo il ritorno, questo La fuga funziona per l’essenzialità della sua struttura, e per la forza primigenia, priva di mediazioni e per questo tanto più efficace, della sua componente emotiva. Quello di Calvagna è un noir colorato, di nuovo, di un forte elemento melò, che fa collidere la realtà dei bassifondi da sempre esplorata dal regista col poco accogliente universo della Roma-bene, in cui due loser si trovano incastrati loro malgrado, da portatori di un’impossibile aspirazione alla fuga. Il ritmo inizialmente serrato della regia si stempera in seguito nell’esplorazione del rapporto tra i due personaggi, delineati dallo script in modo da farne, con pochi e riusciti tocchi, emblemi di una marginalità sociale non priva di orgoglio. In questo, l’ottima prova, istintiva quanto credibile, del protagonista Claudio Vanni, favorisce un’empatia che lo stesso sguardo del regista, partecipe e lucido, ricerca per tutti i 75 minuti di film. Va sottolineata, proprio a questo proposito, la buona capacità di sintesi di un prodotto che resta (in questo caso abbondantemente) sotto l’ora e mezza di durata; nonché la capacità di supplire alla scarsezza di mezzi con scelte di messa in scena che favoriscono (e valorizzano) le peculiarità delle location e le prove attoriali.

Da rimarcare, infine, la buona qualità del commento sonoro di Mauro Paoluzzi; oltre alla canzone dei titoli di coda, scritta da Roberto Vecchioni e donata per l’occasione allo stesso regista, che la interpreta personalmente.

CONTRO

In un cast complessivamente ben assortito, emerge tuttavia come elemento problematico (e a volte stridente) la poco efficace modulazione espressiva della co-protagonista Sveva Cardinale, impegnata in un ruolo fondamentale per l’intera trama. Un elemento, quest’ultimo, che a volte potrebbe ostacolare quell’empatia così fortemente (e consapevolmente) ricercata dallo script.

Va sottolineato, inoltre, come quegli spettatori che si aspettassero un poliziesco unicamente improntato all’azione (sul modello dei blockbuster d’oltreoceano) finirebbero probabilmente per restare delusi da un prodotto così, volutamente, “dialogato”, che vede l’esplorazione dei personaggi e del loro background come elemento centrale della narrazione.

GALLERY

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)