non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IL SETTIMO FIGLIO

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
4.5/ 5


User Rating
1 total rating

 


In breve

In un mondo medioevale dominato da magia e da tenebre, l’ultimo cavaliere-mago di una lunga schiera, composta da settimi figli di settimi figli, John Gregory combatte ancora una volta contro il male. Sono passati dieci anni dall’ultima battaglia e lui seppur invecchiato non demorde ed è pronto a sfidare faccia a faccia l’antica nemica la Regina delle Streghe, Madre Malkin. Il tempo della luna rossa, grazie alla quale Malkin riacquisterà completamente i suoi poteri, si avvicina e Gregory deve trovare un nuovo apprendista, la scelta ricade sul giovane Thomas Ward, che entro sette giorni dovrà da contadino trasformarsi in un guerriero. Come potrà Thomas sopravvivere all’arduo addestramento e supportare Gregory nella grande lotta contro il male pronto a distruggere l’umanità?

0
Posted 23 febbraio 2015 by

 
Recensione completa
 
 

Il film è l’adattamento cinematografico del romanzo fantasy “Il settimo figlio”, che era stato pubblicato in Italia nel 2004 con il titolo “L’apprendista Mago”, per poi essere ristampato con quello odierno. Il testo letterario è il primo di una saga abbastanza famosa composta da ben 13 libri scritta da Jospeh Delaney. A portare sulla pellicola questo fantasy dark è  il regista russo Sergej Vladimirovic Bodrov, già regista di “Nomad – The Warrior” (2005) e “Mongol” (2007). Avvalendosi del talento degli  sceneggiatori Charles Leavitt, Steve Knight e Matt Greenberg  cercare dunque di creare un’opera originale e fresca, capace di catturare l’attenzione del pubblico richiamato anche  dalla presenza di attori importanti come il premio Oscar Jeff Bridges, la grande Julianne Moore, Ben Barnes, già interprete di “Le cronache di Narnia”, Kit Harington (famoso attore della serie tv “Il trono di spade”), Alicia Vikander, Olivia Williams, Antje Traue e Djimon Hounsou.

Curiosità: La compagnia “Rhythm & Hues Seeks”, che si occupava degli effetti speciali, è finita in banca rotta poco prima della fine delle riprese, per cui le case produttrici hanno dovuto versare circa 5 milioni di dollari a tale compagnia per permetterle di finire il film.

PRO

 Il ritmo è veloce, quasi serrato con gradevoli colpi di scena occhieggiando chiaramente a pellicole di successo come “The Hobbit” ed “Harry Potter”, e a contribuire a questa ambientazione fantasy non ci sono solo gli effetti speciali, ma anche le imponenti musiche di Marco Beltrami e i bellissimi costumi di Jaqueline West.

CONTRO

 Il film sulla carta sembra dunque perfetto, ma come succede molto spesso, sebbene ci sia tutto quello che serve per trasformarlo in un successo assicurato, questo non avviene. E’ certamente difficile trovare i diversi elementi che inficiano l’opera, quello che balza allo sguardo è in primis l’attenzione eccessiva di Bodrov per i combattimenti, tralasciando l’aspetto più narrativo che permette di creare personaggi a tutto tondo e non semplici macchie, stereotipi di ciò che dovrebbero essere. Inoltre proprio questo aspetto legato all’eccesso di scontri e al ritmo veloce sembra avvicinare la pellicola ad un videogioco moderno come “Assasin’s Creed” e molti altri.

GALLERY

 


Federica Di Bartolo

 
Avatar of Federica Di Bartolo


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)