non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IL PONTE DELLE SPIE

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
4.5/ 5


User Rating
3 total ratings

 

Pro


Splendidamente diretto, di grande equilibrio e spettacolarità, capace di parlare con lucidità di un periodo che somiglia a quello odierno.

Contro


Qualche sbavatura in sottolineature di regia inutili, tra cui un dettaglio un po' pacchiano nel finale.


In breve

Siamo a Brooklyn, nel 1957. In piena Guerra Fredda, il pittore Rudolf Abel viene arrestato con l’accusa di essere una spia sovietica. Le accuse nei suoi confronti sembrano schiaccianti, ma il magistrato si preoccupa comunque che l’uomo abbia un’adeguata difesa; ciò perché si mostri al mondo il garantismo del sistema giudiziario statunitense. La scelta dell’avvocato cade su James B. Donovan, legale con scarsa esperienza in cause penali, ma con un forte senso di giustizia. Donovan, esponendosi alla riprovazione dell’opinione pubblica, nonché a rischi personali, prende molto sul serio quella che doveva essere una difesa di facciata; arrivando a stupire per primo il suo stesso cliente. Poco dopo, un aereo spia americano precipita in territorio russo, e il tenente Francis Gary Powers viene fatto prigioniero. Abel, detenuto in un carcere americano, potrebbe rappresentare una valida merce di scambio per il rilascio del militare. La CIA incarica così proprio Donovan di gestire il negoziato.

0
Posted 5 dicembre 2015 by

 
Recensione completa
 
 

Dopo Lincoln, Steven Spielberg continua ad interrogarsi sulla storia americana, traendo stavolta spunto da un evento di cronaca della Guerra Fredda. Portando sullo schermo una sceneggiatura scritta da Matt Charman insieme a Joel ed Ethan Coen, il regista dirige un thriller pienamente (e brillantemente) calato nell’atmosfera di quell’epoca, nel clima di sospetto e paranoia che caratterizzava gli anni in questione. Il ponte delle spie racconta, con lucidità ed equilibrio, la Guerra Fredda, l’atmosfera che la caratterizzò e la percezione, penetrata a fondo nella vita della gente, di una catastrofe imminente; ma riesce a parlare anche dell’oggi, di un clima di insicurezza e fobia generalizzata per l’altro che vediamo ripetersi immutato. Quello di Spielberg è un cinema che racconta (di nuovo) l’America e le sue contraddizioni, le azioni di un paese che più volte, nella sua storia, per sopravvivere ha snaturato l’afflato democratico e inclusivo che fu alla base della sua nascita. Ed è un cinema che di nuovo esalta l’azione di uomini coraggiosi, che (come in Lincoln) riescono a fare del compromesso, anche spregiudicato, la propria arma più efficace. Cinema impegnato e profondamente umanista, che non dimentica lo spettacolo (tutta la scena iniziale è magistrale); e che ha raggiunto nel corso degli anni una limpidezza di sguardo, e un controllo di tutte le sue componenti, assolutamente encomiabili.

Trailer:

PRO

Dall’intro hitchcockiana, splendidamente diretta, all’immersione totale nel clima di fobia (e follia) della Guerra Fredda, fino al gelo di una Berlino Est la cui ostilità non spaventa il Tom Hanks protagonista, Il ponte delle spie è una rappresentazione avvincente, cinefila nei suoi riferimenti eppure credibile e umanissima, di una nazione e di un preciso periodo storico. Il mestiere del Rudolf Abel interpretato da Mark Rylance, pittore specializzato in ritratti, diventa metafora potente della capacità di guardare gli uomini nella loro complessità, nei loro chiaroscuri, astraendoli dal loro schieramento in un mondo (allora come oggi) rigidamente diviso. Una capacità che accomuna i due protagonisti, e che diviene chiave per la loro comprensione reciproca; e che ribadisce l’umanesimo di un cinema che, da Schindler’s List a Salvate il soldato Ryan, ha continuato a cantare le lodi di persone che “salvando una vita salvano il mondo”, al di fuori e al di sopra delle loro appartenenze. In una costruzione cinematografica lucida e forte, che illumina ogni personaggio con la consapevolezza della sua visione, e che mostra un controllo pressoché totale della macchina-cinema.

CONTRO

Anche in un’opera dalla costruzione (narrativa ed estetica) quasi perfetta come questo Il ponte delle spie, si può rilevare qualche sbavatura: tra queste, alcune sottolineature di regia inutili, tra i quali includeremmo un dettaglio piuttosto pacchiano, nel parallelismo che propone, nei minuti finali. Una piccola caduta di stile, forse dazio da pagare inevitabile al carattere hollywoodiano del progetto, che stride con l’equilibrio e la lucidità mostrati dal film per tutta la sua durata. Tra i “difetti” (virgolette d’obbligo) possiamo poi rilevare il fatto che l’America più conservatrice, e i suoi omologhi europei, quelli che ora guardano con sospetto qualsiasi uomo con la pelle più scura (così come facevano prima con chiunque sembrasse originario dell’Europa dell’Est) farebbero bene a stare lontani da questo film.

GALLERY


Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)