non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IL DVD DI L’ETÀ DELL’INNOCENZA

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

All’interno della collana BookMovies, la Universal ripropone in DVD il film di Scorsese del 1993, ispirato al classico letterario di Edith Wharton. Un semplice repackaging dell’edizione originale, che tuttavia rappresenta una buona occasione per riscoprire un titolo fondamentale nella filmografia scorsesiana.

0
Posted 12 luglio 2018 by

 
Recensione completa
 
 

Occupa un posto tutto particolare, nella filmografia di Martin Scorsese, L’età dell’innocenza. Un’opera apparentemente atipica per il regista americano, calata in un setting insolito (quello dell’alta società newyorchese degli anni ‘70 del 1800), ispirata al classico letterario del 1920, già premio Pulitzer, scritto da Edith Wharton. Una produzione in cui Scorsese ha trasposto in modo magistrale il suo sguardo antropologico, la sua dettagliata analisi di rituali sociali e tensioni umane, di dialettica tra fedeltà alle norme del proprio ambiente (e ai suoi rappresentanti) e tensione verso la libertà individuale, che già aveva sviscerato nei suoi film di ambientazione criminale. Che si tratti della mafia italoamericana, dell’universo criminale del gioco d’azzardo, del mondo dei “lupi” di Wall Street o dell’alta borghesia della New York ottocentesca, il regista riesce a restituire le dinamiche che animano un microcosmo sociale in modo vivido, palpitante, evidenziandone i complessi rituali quanto le crepe, espressioni dell’umanità inquieta che vi si agita dentro. Un’umanità che qui ha i volti del triangolo composto da Daniel Day-Lewis, Michelle Pfeiffer e Winona Ryder, e che si muove su uno sfondo oggetto di una minuziosa ricostruzione storica (frutto delle scenografie di Dante Ferretti) contrassegnata allo stesso tempo da un acceso iperrealismo: a cominciare dalla sequenza dei titoli di testa di Elaine e Saul Bass, il melò scorsesiano è dipinto da tonalità accese, quasi ubriacanti nella loro ansia di rappresentare i sommovimenti emotivi dei protagonisti.

All’interno della collana Bookmovies, la Universal Home Video ha riportato il film di Scorsese sugli scaffali, in un DVD che ripropone tal quale l’edizione già uscita nel 2006. Si tratta, di fatto, di un semplice repackaging del disco originale, a cui viene aggiunto un cartonato con una diversa immagine di copertina. Considerati i limiti del formato, considerata l’età del master, e considerata la nostra ormai incamerata, diversa percezione delle immagini su uno schermo (frutto dell’abitudine all’alta definizione), bisogna dire che l’originale riversamento si difende ancora bene. Pur senza l’ausilio dell’HD, la fotografia di Michael Ballhaus viene resa al meglio, nelle sue tante sfumature di croma, nella ricostruzione di una profondità di campo che, frutto del girato originale in 35 mm, resta intatta nel riversamento sul piccolo schermo. Ampia la scelta delle tracce audio, che tuttavia vede solo per l’inglese la presenza del DD 5.1, mentre si limita a un normale Dolby Surround per le piste rimanenti (italiano, francese, spagnolo e tedesco): il nostro consiglio, come sempre (visto anche il notevole lavoro fatto sulla recitazione e sull’intonazione vocale) resta comunque in favore della traccia originale inglese. Ampia e addirittura sovrabbondante la scelta dei sottotitoli, tra i quali sono ovviamente presenti l’italiano e l’inglese. Resta ridotto all’osso il comparto dei contenuti speciali, che consta semplicemente delle filmografie di regista e protagonisti, e di una selezione di trailer: quest’ultima comprende il trailer cinematografico del film di Scorsese, insieme a quelli dei coevi (e affini nei temi) Ragione e sentimento e Quel che resta del giorno.

Video: 7,5
Audio: 7
Extra: 5

Gallery:


DVD

Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)