non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IL BLU-RAY DI STARRY EYES

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

Suggestivo horror indipendente, ambientato nel “demoniaco” ambiente della produzione cinematografica, questo Starry Eyes viene ora edito in Blu-Ray dalla Koch Media, all’interno della collana specializzata Midnight Factor. Un’edizione dalla buona qualità audio/video, con un comparto extra abbastanza corposo e soddisfacente.

0
Posted 20 luglio 2018 by

 
Recensione completa
 
 

Sarah, aspirante attrice, sbarca il lunario lavorando in un fast food di Los Angeles, inanellando provini su provini e cercando con tenacia un varco per l’ingresso nel mondo del cinema. Questo varco sembra aprirsi, inaspettatamente, quando la giovane risponde a un annuncio della Astreus Pictures, casa specializzata in cinema horror che cerca un’attrice per la sua nuova produzione. Il provino è duro, e richiede a Sarah di mettere in gioco le sue emozioni e debolezze più profonde: l’impressione, tuttavia, è positiva, e la ragazza sembra ormai a un passo dall’ottenere il ruolo. L’ultimo scoglio sarà l’incontro col patron della casa cinematografica, che è rimasto favorevolmente colpito dall’audizione di Sarah: ma, quando si recherà da lui, la ragazza dovrà presto rendersi conto che ciò che le è richiesto va ben oltre la messa in mostra delle normali qualità fisiche e di recitazione. Va persino oltre l’imprevista richiesta di favori sessuali da parte del produttore in cambio del ruolo: Sarah, per coronare il suo sogno di diventare una star, dovrà letteralmente morire e rinascere, trasformandosi in qualcos’altro. Qualcosa di oscuro.

Horror indipendente di produzione statunitense, questo Starry Eyes è il terzo lungometraggio dei due cineasti Kevin Kölsch e Dennis Widmyer, già assurti da qualche anno all’attenzione della critica specializzata, di recente reclutati per il previsto remake di Cimitero vivente, tratto dal romanzo di Stephen King. Un’opera che i due registi diressero nel 2014, prima del caso Weinstein, mettendo a nudo, con uno sguardo tutt’altro che moralista o consolatorio, il carattere predatorio e vampiresco dell’industria cinematografica statunitense. Il punto di vista scelto per la storia di Sarah è quello di una vicenda a sfondo satanico, in cui il binomio sesso/potere con cui l’industria hollywoodiana regola le sue logiche di domanda e offerta diviene letteralmente una richiesta di annullamento del sé, di distruzione fisica del corpo (e dell’anima) e di rinascita in una forma altra. Il ritmo del film è lento, avvolgente e insinuante, con un avvio quasi da commedia e una lenta progressione verso toni sempre più oscuri e disturbanti. La trasformazione della protagonista (la bravissima, misconosciuta Alex Essoe) avviene con una mostra della sofferenza via via più esplicita, con un approccio che tuttavia evita i colpi bassi e gli effetti-shock più vieti. Un approccio certi memore di molti classici del genere (da Rosemary’s Baby a Society – The Horror), che tuttavia evita di farsi mero calderone derivativo.

Il film di Kölsch e Widmyer, finora inedito in Italia (ma presentato con successo in vari festival internazionali, tra cui quello di Sitges) viene ora edito in Blu-Ray dalla Koch Media, all’interno della collana specializzata Midnight Factory. Un’edizione che si caratterizza per un packaging piuttosto elegante, con un cartonato a racchiudere l’amaray in cui è contenuto il disco, e un esauriente booklet dedicato alla storia e ai retroscena del film. La qualità video del film è molto buona, facendo ravvisare solo qualche limite di compressione nelle sequenze più problematiche a livello di luminosità (quelle troppo luminose o, al contrario, eccessivamente scure), ma facendosi per il resto apprezzare sia a livello cromatico, sia di dettaglio nella resa di ambienti e personaggi, in particolare nei primi piani. L’audio vede la presenza del doppiaggio italiano e della traccia originale inglese (con sottotitoli opzionali in italiano), presentati entrambi in un DTS-HD 5.1 potente, nitido e ben dosato nella distribuzione spaziale e negli effetti d’ambiente.
Abbastanza nutrita si rivela la sezione dei contenuti speciali, che comprende, oltre al trailer originale del film, una selezione di scene tagliate (di circa 11 minuti complessivi), un montaggio dei provini originali della protagonista Alex Essoe, un breve documentario sulla realizzazione della colonna sonora (firmata da Jonathan Snipes) e una corposa selezione di foto di scena.

Video: 8
Audio: 7,5
Extra: 7

Gallery:


Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)