non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

CAFFÈ

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
2.5/ 5


User Rating
no ratings yet

 

Pro


Esempio di cinema italiano interessante (seppur non del tutto nuovo) nell’asfittico panorama mainstream, ricerca di un appeal internazionale che non esclude la specificità di sguardo.

Contro


Scollato, episodico, poco coeso, il film è di fatto un’occasione mancata. Manca la capacità di comporre le tre storie in un insieme armonico e coerente.


In breve

Tre paesi, tre storie, unite dal filo conduttore del caffè: bevanda apprezzata in tutto il mondo, dall’ampio spettro di aromi e sapori. In Belgio, Hamed è un immigrato iracheno integrato, proprietario di un piccolo negozio, che viene improvvisamente derubato di un’antica caffetteria a cui è molto legato; in Italia, Enzo si trasferisce a Trieste con la speranza di diventare un sommelier del caffè, ma resta invece coinvolto in una pericolosa azione criminale; in Cina, un manager avido e spregiudicato fa ritorno nello Yunnan, nelle campagne in cui è nato, patria del caffè: qui, scopre i loschi traffici della ditta per la quale lavora, e i pericoli ambientali da essa generati. Sullo sfondo, una modernità sempre più all’insegna della precarietà, in un mondo sempre più interconnesso quanto, inesorabilmente, abitato da diverse solitudini.

0
Posted 11 ottobre 2016 by

 
Recensione completa
 
 

Quello di Caffè, nuovo lavoro del regista italiano Cristiano Bortone, presentato nel corso delle Giornate degli Autori dell’ultima Mostra del Cinema di Venezia, è un esempio di cinema italiano che punta esplicitamente all’appeal (e alla vendibilità) internazionali, forte di una co-produzione tra Italia, Cina e Belgio. La composizione delle singole storie, il loro procedere parallelo e le loro assonanze tematiche, più che fattuali, guardano chiaramente al cinema del primo Alejandro González Iñárritu, e alle sue riflessioni sul destino; Bortone, attraverso il filo conduttore della bevanda del titolo (sorta di MacGuffin dal carattere dichiaratamente gratuito) cerca così di delineare uno spaccato della contemporaneità, e di alcuni dei suoi aspetti più caratterizzanti.

Attraverso il parallelo esplicito con tre diversi aromi del caffè (amaro, aspro e profumato), la voce fuori campo dell’attore Hichem Yaoubi fa da ouverture alle tre storie, ognuna tesa a rappresentare un diverso aspetto del mondo del ventunesimo secolo: la precarietà lavorativa, che si fa precarietà affettiva ed esistenziale, nell’episodio italiano, le tensioni etniche e sociali che divengono faida e guerra tra poveri in quello ambientato in Belgio, lo sviluppo industriale scriteriato, frutto di una globalizzazione rapace e selvaggia, nel segmento cinese. Tre diverse storie che occhieggiano a registri narrativi diversi (il noir nell’episodio italiano, il realismo a sfondo sociale dei fratelli Dardenne in quello belga, il lirismo di certo cinema cinese nel terzo segmento), cercando di comporre un quadro coerente di una società magmatica quanto interconnessa.

Trailer:

PRO

Quello del film di Bortone è un tentativo sicuramente interessante (seppur non del tutto nuovo) di proporre un cinema italiano che spezzi le rigide regole del panorama mainstream, cercando un appeal internazionale che non rinunci alle proprie specificità. Così, la struttura a episodi si mescola ad uno sguardo che, pur se debitore a modelli abbastanza riconoscibili, mantiene un approccio tutto nostrano (e ciò non è un male) ai temi che vuole raccontare. Il modello della co-produzione internazionale, indipendentemente dai risultati raggiunti, rappresenta certamente una delle possibili strade da seguire per un cinema italiano che voglia cercare nuovi spazi (e nuove modalità espressive) in grado di superare gli angusti confini in cui, da troppo tempo, esso stesso si è auto-esiliato.

CONTRO

Frammentato, poco coeso, mancante di armonia sia all’interno dei diversi episodi, sia nel quadro generale che vuole delineare, Caffè getta alle ortiche gran parte del suo potenziale, rivelandosi un’occasione sostanzialmente sprecata. Manca uno sguardo penetrante e coerente sui temi affrontati dalla sceneggiatura, delineati tutti in modo abbastanza superficiale, e affidati a caratteri all’insegna della schematicità; il tutto si esplicita in snodi di trama pretestuosi, in situazioni ai limiti della credibilità (vedi tutta la parte noir dell’episodio italiano), e in una generale incertezza di tono. Tra pacchianità estetiche che flirtano pericolosamente con il kitsch (il gratuito lirismo dell’episodio cinese) e grossolani climax emotivi che sfiorano il grottesco (l’episodio belga e il suo modo di affrontare il tema della vendetta) Bortone non amalgama il tutto in un tono convincente, componendo un’opera scollata e dagli evidenti limiti di concezione. Le tre vicende si compongono, nel finale, in una chiusura abbastanza pretestuosa, piazzata in modo posticcio in coda al film e tale da ribadire una tendenza al didascalismo (e all’estetizzazione gratuita) che pesa in modo decisivo (e negativo) sul risultato finale.

GALLERY

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Marco Minniti

 
Avatar of Marco Minniti


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)