non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

50 SFUMATURE DI GRIGIO

 
Regia
 
 
 
 
 


 
Soggetto
 
 
 
 
 


 
Sceneggiatura
 
 
 
 
 


 
Fotografia
 
 
 
 
 


 
Colonna sonora
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
4/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

Anastasia Steele, interpretata da Dakota Johnson, è una giovane e impacciata studentessa universitaria, laureanda in letteratura inglese, che si trova a dover sostituire la migliore amica, nonché coinquilina e direttrice del giornale universitario Kate Kavanagh, in un’intervista a Seattle al giovane e multimiliardario imprenditore Christian Grey (Jamie Dornan). Subito scatta la scintilla, ma l’incontro si conclude velocemente e Anastasia torna alla sua vita di sempre a Vancouver. Passano poche ore e i due si incontrano di nuovo nel negozio di ferramenta dove lavora Anastasia e ben presto si ritrovano a intrecciare una relazione alquanto insolita perché soggetta ad un “accordo di riservatezza”. Anastasia scopre le ombre che caratterizzano il giovane miliardario dai gusti sessuali singolari e che per sua stessa definizione è un “Dominatore”. Cosa farà la giovane e virginale Anastasia?

0
Posted 14 febbraio 2015 by

 
Recensione completa
 
 

Il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo erotico “sadomaso”, pubblicato nel 2011 dalla scrittrice E.L. James, pseudonimo di Erika Leonard, tradotto in 52 lingue e che ha venduto più di 10 milioni di copie in tutto il mondo tra libri ed e-book. E’ il primo della trilogia definita “ delle sfumature”, e inizialmente nata come fan fiction di “Twilight”. Era ovvio che dopo il successo in libreria si arrivasse ad un film, in cui la stessa autrice veste i panni di produttrice. La regia è affidata a Sam Taylor-Johnson che grazie anche al lavoro di sceneggiatura di Kate Marcel, declina il film in chiave romantica, tagliando parti e scene decisamente troppo spinte e a volte superflue del romanzo. Una connotazione diversa che si allontana dall’erotismo che permea le pagine di questo romanzo erotico, un vero e proprio “Harmony”, che predilige il sesso sadomaso. Agli istinti passionali, al magnetismo animale che si scatena fra i protagonisti Taylor-Johnson predilige quelli romantici e un po’ psicologici, ironici e più adatti ad un pubblico giovanile e femminile. I toni vengono dunque smussati, forse a causa della censura che vieta il film ai minori di 18 anni in USA e in Inghilterra, mentre in Italia è proibito ai minori di 14 anni. Ma nonostante tutto le scene di sesso restano comunque presenti anche se in misura minore, e meno spinta. Certo la critica su questo ultimo punto si è comunque spaccata in due considerandolo da una parte eccessivo e sconvolgente, dall’altra accettabile e non esagerato . Fatto sta che il risultato al botteghino è scontato, anche grazie all’ottima e pensata congiuntura dell’uscita con la festa di “San Valentino”.
Il ritmo è lento e i dialoghi sono troppo semplici e privi di effetto, anche se decisamente migliori rispetto al libro, certo è apprezzabile la decisione del regista di non usare la voce fuori campo per descrivere il pensiero dei due protagonisti, soprattutto di Steele che riempie le pagine del romanzo.

Curiosità:
Per il ruolo di Christian Gray all’inizio erano stati presi in considerazione Ryan Gosling, Stephen Amell, Garrett Hedlund, Ian Somerhalder, Theo James e Robert Pattinson alla fine venne scelto Charlie Hunnam, ma a pochi giorni dall’inizio delle riprese, questi ha lasciato la produzione a causa di impegni televisivi per cui è stato sostituito da Jamie Dornan.

PRO

Il prodotto è ben costruito nel suo insieme, la fotografia è patinata, ma riprende i toni del grigio e dell’azzurro del plumbeo cielo di Seattle da cui prende avvio l’opera. Interessante, anche se forse un po’ troppo da sceneggiato televisivo, il modo in cui il regista decide di chiudere l’opera creando una struttura a cerchio. E’ quasi un amore adolescenziale quello che viene rappresentato fatto di silenzi, sguardi, risatine imbarazzate da parte di Anastasia, giovane e virginale studentessa, dall’altra parte Mr Grey che dovrebbe essere monolitico e freddo appare già completamente “dominato” da lei, e dal desiderio per lei al di là delle sue manie e dalle sue convinzioni, ma soprattutto delle frasi dure. Buona la colonna sonora caratterizzata da pezzi dei Rolling Stones, di Beyoncè, di Bruce Springsteen e soprattutto di Danny Elfman cui sono affidate le atmosfere più importanti della pellicola.

CONTRO

Una favola d’amore, decisamente ben lontana dalla realtà, poiché l’ossessione di Mr Grey è praticamente da stalker e purtroppo i fatti di cronaca raccontano molto bene le tristi storie di chi ne è vittima, ma essendo una favola, la storia segue un suo percorso personale, che spinge il miliardario, fantomatico principe azzurro, a cercare in tutti i modi di convincere la giovane Anastasia ad accettare il suo mondo e il suo erotismo sadomaso. Peccato che manchi fra i due attori e protagonisti del vero erotismo, il magnetismo che li avrebbe resi più credibili, poiché Jamie Dornan sembra pietrificato quasi timido nelle sue espressioni, mentre Dakota Johnson cerca di creare da parte sua un personaggio a tutto tondo, che però sembra spegnersi velocemente in sguardi languidi e svenevoli, quasi da damina dell’Ottocento inglese.

GALLERY

 


Federica Di Bartolo

 
Avatar of Federica Di Bartolo


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)