non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

IL PROGRAMMA DI #SENZACONFINE: UN VIAGGIO LUNGO TRE SETTIMANE

 
DSC_7135
DSC_7135
DSC_7135

 
Scheda
 

Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
10 total ratings

 


In breve

Accanto alla Retrospettiva Storica del Manifesto Turistico dei Paesi Euro-Afro-Asiatici, #senzaconfine presenta un programma di appuntamenti che attraverserà tutto il mese di novembre. Il programma è suddiviso in settimana europea, settimana africana e settimana asiatica.

0
Posted 8 novembre 2014 by

 
Recensione completa
 
 

Ad aprire la programmazione della settimana europea, martedì 11 novembre alle 21.30 salirà sul palco della Factory La Pelanda il pianista e compositore romano Valerio Vigliar che presenterà un concerto di solo piano al quale si mescoleranno e sovrapporranno le proiezioni di Giorgina Pi. Un altro concerto animerà la settimana europea: il 12 novembre arriverà Chris Costa, musicista, polistrumentista e ammaliante animale da palco. Supportato dai visual di Andrea Marini, Costa presenterà il suo live in cui mescola vari generi, dal funk al pop, dal punk al jungle.

Spazio anche al cinema all’interno di #senzaconfine con “CineViaggio”: grazie alla collaborazione con Rome Independent Film Festival e con Romefilmmarket.com, per tre venerdì sarà allestita una vera e propria sala cinematografica dove saranno proiettate tre opere selezionate ad hoc per #senzaconfine:

14 novembre: “Lost in Laos” (Italia, 2012) di Alessandro Zunino. È la storia di Daniela e Paolo che decidono di intraprendere una vacanza in Laos: dopo un rave sul fiume si perdono smarrendo soldi e documenti. Questo imprevisto gli permetterà di intraprendere un viaggio diverso e rivelatore di un Laos fatto di villaggi e autentica accoglienza.

21 novembre “Io sono nata viaggiando” (Italia, 2013) di Irish Braschi. Vero e proprio romanzo per immagini, questo docu-film rappresenta un viaggio intimo nei ricordi di Dacia Maraini, una fra le scrittrici italiane più tradotte all’estero. È un documento unico sulla vita di una donna che ha intrecciato la sua esistenza ad alcune delle figure più significative del Novecento.

28 novembre: “La piccola guerrigliera” (Italia, 2013) di Giancarlo Bocchi. Da oltre settant anni i Karen, una delle più importanti minoranze etniche della Birmania, combattono per la libertà, prima contro i giapponesi e poi contro i militari al potere. La ‘piccola guerrigliera’ è Zoya Phan che, grazie alla sua autobiografia, ha inchiodato i militari birmani alle loro responsabilità.

La settimana europea terminerà sabato 15 novembre con Europa Week Closing Party. Ad aprire la serata sarà il Giovannesi-Vigliar Trio composto da Claudio Giovannesi (chitarra), Gianluca Vigliar (sax) e Alessandro Marzi (batteria). Il trio proporrà un repertorio di brani originali tratti dalle colonne sonore dei lungometraggi di Claudio Giovannesi che mescola jazz e funk a sonorità medio-orientali. Sarà presente alla serata anche la crew di Elita, media partner di #senzaconfine che porterà il suo contributo con il djset di Elita Soundsystem. La guest del 15 novembre sarà il francese Giom, uno tra i più apprezzati dj e producer della scena deephouse europea. Spesso in prima linea al Sonar e al Fabric, Giom si è affermato come artista poliedrico e vero talento naturale: oltre all’attività di dj si è esibito come batterista nei tour europei di Zarif, The Odissey Nextmen e Kasabian.

Il 18 novembre avrà inizio la settimana africana con l’Associazione Karibujua che presenterà la mostra del fotografo Mario Filippo dal titolo “Open your mind: scoprire e scoprirsi attraverso chi ha la luce negli occhi”. La mostra sarà visitabile per tutta la settimana.

Mercoledì 19 novembre #senzaconfine incontra invece Amref Italia e il lavoro del regista Angelo Loy che ha condotto numerosi laboratori di “video partecipato” con i ragazzi di stradadi Nairobi. Durante l’appuntamento dal titolo “La prospettiva diversa” Loy e Matteo Scarabotti (Amref Italia) mostreranno al pubblico una selezione di materiali video tratti dai documentari “Sillabario africano”, “Pinocchio Nero” e “TV slum”.

La serata del 20 novembre sarà invece dedicata alla presentazione dell’opera finale “Sine/ limes” ideata da Kill The Pig in collaborazione con Premio Comel e liberamente interpretata dai tre noti artisti romani di street art: Solo, Diamond ed Emmeu. Le tre grandi strutture che compongono l’opera d’arte resteranno in esposizione fino al 29 novembre nellaparte esterna della Factory.

CineViaggio in collaborazione con Romefilmmarket.com torna nella serata di venerdì 21 novembre, mentre il giorno successivo ci sarà l’Africa Week Closing Party. Ad aprire la serata, #senzaconfine presenterà il musicista giramondo e ‘onemanband’ Sandro Joyeux: le sue canzoni mescolano atmosfere francesi e ritmi del mondo, musica di viaggi e danze; i suoi testi raccontano quello che è stato il suo vagare di viaggiatore nel mondo e il bagaglio di umanità che ha portato con sé. Dopo Joyeux, salirà sul palco di #senzaconfine il gruppo Ordinary Dreams (Maurizio Rizzuto, Paola Canestrelli) che in anteprima nazionale presenterà alcuni brani del nuovo album. Nel corso della serata, poco dopo la mezzanotte, toccherà a Max

Passante, produttore discografico e artista poliedrico, nonché dj supporter ufficiale del gruppo inglese Massive Attack. All’1.30 è atteso il dj set di DADDY G (Massive Attack), vero esteta del sound, padre del “Bristol Sound” e uno degli storici fondatori del trip hop. Nel 1987 ha dato vita e voce al gruppo inglese Massive Attack e negli anni ha collaborato con artisti quali Sinéad O’Connor, Horace Andy, Madonna e Tricky.

L’ultima settimana di #senzaconfine sarà dedicata al continente asiatico. Il primo appuntamento è il 25 novembre alle 18.30 con la presentazione del libro “Il coraggio dei piccoli” di Gabriella Favaro a cura dell’Associazione Karibujua: saranno presenti Guendalina Folador e Ilaria Maurri, responsabile editoriale di Carthusia Edizioni. Nella stessa giornata, alle 21.30 il teatro occuperà la scena di #senzaconfine con lo spettacolo-reading “Le mille anime dell’India” di e con Giuseppe Cederna. Il noto attore e regista ci accompagnerà in una cronaca di viaggio che parte dalla caotica Delhi per arrivare lungo i sentieri sull’Himalaya fino alle sorgenti del Gange, il fiume sacro per eccellenza. A piedi, in treno, a bordo di una jeep: il viaggiare di Cederna non smette mai di sorprendere.

Protagonista della serata del 26 novembre sarà invece Asiatica Film Mediale che a #senzaconfine presenterà “The 7th Flavour” della regista Feng Ya Ping, il film che ha vinto l’ultima edizione del festival che si è chiusa lo scorso 4 ottobre. Il lungometraggio racconta la storia di un dottore esperto in medicina tradizionale mongola, isolato per anni nelle steppe fino all’arrivo di un allievo e di una misteriosa paziente interpretata dall’affascinante attrice Wulanqiqige.

Giovedì 27 novembre torna invece la musica con il compositore Mirto Baliani che curerà ascolti scelti dal vinile “T.E.L.” in un appuntamento intitolato “Viaggio sonoro e visivo sulle tracce di Thomas Edward Lawrence”. I quattro brani che compongono il disco saranno mescolati dal vivo con sonorità che ricordano gli echi di battaglie e i movimenti relativi all’esistenza di Lawrence d’Arabia, la cui figura ha dato ispirazione all’intero progetto. Il djset sarà accompagnato dalle suggestioni visive del fotografo e maestro del banco ottico Enrico Fedrigoli, da oltre tre decenni impegnato in una originale ricerca visiva.

Il venerdì sarà ancora all’insegna di “CineViaggio” con la proiezione de “La piccola guerrigliera” di Giancarlo Bocchi in collaborazione con Rome Independent Film Festival.

La serata successiva si chiuderà il numero zero della rassegna #senzaconfine con l’Asia Week Closing Party con una segretissima line-up.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on Tumblr

Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)