non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

FESTIVAL “LO SPIRITO DELLA MUSICA DI VENEZIA”

 
Teatro La Fenice_Hamburg Ballett_1
Teatro La Fenice_Hamburg Ballett_1
Teatro La Fenice_Hamburg Ballett_1

 
Scheda
 

Genere:
 
Location:
 
Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
no ratings yet

 


In breve

50 appuntamenti – dal jazz alla musica contemporanea dalla danza al teatro musicale – nei luoghi icona della cultura veneziana.
Ritorna in laguna “Lo spirito della musica di Venezia”, il Festival del Teatro La Fenice che dal 15 giugno al 26 luglio entrerà nei teatri, nelle chiese e nei palazzi veneziani con una cinquantina di spettacoli suddivisi in dieci sezioni che avranno come filo conduttore la città lagunare come Porta D’Oriente e luogo d’incontro tra le diverse culture del Mediterraneo.

0
Posted 12 giugno 2015 by

 
Recensione completa
 
 

 Sarà uno spirito libero, multiforme e cosmopolita: un mese fittissimo di appuntamenti, l’opera e la danza, i concerti sinfonici e il teatro musicale, e ancora il barocco, il jazz, i canti e l’arpa fino a Mogol, protagonista di un evento di note e poesia. 

Il tutto nei luoghi più suggestivi della cultura veneziana: il Teatro La Fenice con il balletto in sei parti Terza sinfonia di Gustav Mahler di John Neumeier, capolavoro della coreografia novecentesca interpretato dall’Hamburg Ballett (15, 16 e 17 luglio), la quarta edizione del Gala internazionale di danza dove a esibirsi saranno i giovani talenti diplomati presso le maggiori accademie internazionali, da Londra a Monte-Carlo da L’Avana a San Pietroburgo da Madrid ad Amsterdam e Copenaghen (22 e 23 luglio), e Juditha Triumphans di Antonio Vivaldi, la vittoria di  Venezia sui Turchi, diretta da Alessandro De Marchi con la regia di Elena Barbalich(dal 25 giugno al 5 luglio); il Teatro Malibran con l’opera La scala di seta di Gioachino Rossini, diretta da Francesco Pasqualetti con la regia di Bepi Morassi e Irina Dubrovskaya nel ruolo di Giulia (5 recite dal 24 giugno al 4 luglio); la Sala dello Scrutinio di Palazzo Ducale con Dafne di Antonio Caldara, diretto da Stefano Montanari con la regia di Bepi Morassi (9 11 e 13 luglio); la Basilica di San Marco ospiterà il concerto dei Solisti della Cappella Marciana diretti da Marco Gemmani dedicato alla rievocazione dell’Andata del Doge a Santa Marina, 17 luglio 1611 (17 luglio); la Chiesa di San Salvador a Mestre dove l’Orchestra Barocca del Festival, diretta da Stefano Montanari, eseguirà il concerto con la tromba naturale di Gabriele Cassone (26, 27 e 29 giugno); la Chiesa di San Donato a Murano con lo spettacolo Stella Maris del quartetto vocale Ring Around che sarà dedicato alla simbologia dell’acqua (26 giugno); al Teatrino di Palazzo Grassi L’Ensemble Marâghî proporrà il concerto Da Venezia a Costantinopoli, con musiche di compositori ottomani presso la corte veneziana tra Sei e Settecento (8 luglio); Palazzo Barbarigo della Terrazza sarà la sede dell’incontro John Neumeier e l’Hamburg Ballett a Venezia con protagonista John Neumeier (17 luglio); il Centro Culturale Santa Maria delle Grazie di Mestre l’ensemble Sidorela proporrà Canti di crociata e di lontananza con melodie di trovatori e trovieri dell’epoca delle crociate (2 luglio).

Novità della terza edizione del Festival la mostra Donne e Primedonne. Fumetti ricami libretti (27 giugno-26 luglio, Sale Apollinee Teatro La Fenice), a firma di Pat Carra, autrice delle vignette umoristiche per i libretti della Fenice. La mostra mette al centro le protagoniste melodrammatiche in una chiave inedita e umoristica: Violetta, Mimì, Lucia, Manon, Desdemona e le altre, passano da essere protagoniste dei fumetti di Pat Carra alla tela: le figure sono cucite e ricamate ad arte con ironia sottile e fili disordinati, rielaborate con fili spezzati e nodi evidenti, sembrano più libere e meno serie.

Grande importanza anche al teatro che vedrà protagonisti: Massimiliano Finazzer Flory con Essere Leonardo da Vinci, di cui è autore e interprete, una fedele interpretazione di Leonardo realizzata su suoi testi originali (1 luglio, Teatro La Fenice); Gualtiero Bertelli e Gian Antonio Stella portano in scena Negri, froci, giudei & co, spettacolo di teatro-canzone ispirato all’omonimo libro di Stella sul rapporto fra ‘noi’ e ‘gli altri’(12 luglio, Teatro La Fenice).

Alla musica contemporanea il Festival dedica la Maratona contemporanea, una non-stop di quaranta prime esecuzioni assolute a firma di compositori italiani, israeliani, portoghesi, greci, iraniani, armeni, russi, albanesi, maltesi dedicate a Luciano Berio, nel novantesimo anniversario della nascita (9 luglio, ore 11 e ore 15 Teatro La Fenice), il concerto diStanze #3, con musiche di compositori italiani, russi e romeni (25 luglio, Teatro La Fenice), e Luoghi del nonriposo interpretato dall’ensemble statunitense Mivos Quartet (26 luglio, Teatro La Fenice). Non mancherà anche l’omaggio al più grande compositore di musica pop italiana, Mogol, con una serata di musica e poesia (11 luglio, Teatro La Fenice).


Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)