non solo recensioni…

 
 


 
Da non perdere
 

AUTUNNO NEI MUSEI CIVICI E SPAZI CULTURALI DI ROMA CAPITALE CON SPETTACOLI SERALI AD INGRESSO GRATUITO

 
FOTO PIERANUNZI ok
FOTO PIERANUNZI ok
FOTO PIERANUNZI ok

 
Scheda
 

Genere: , ,
 
Organizzazione
 
 
 
 
 


 
Presentazione
 
 
 
 
 


 
Illuminazione
 
 
 
 
 


 
Location
 
 
 
 
 


 
Qualità
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 
5/ 5


User Rating
3 total ratings

 


In breve

Tra ottobre e novembre 2014, ad animare l’autunno romano di cittadini e turisti, i Musei Civici e altri spazi culturali di Roma Capitale (Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Roma – Palazzo Braschi, Museo Napoleonico, Museo di Roma in Trastevere, Museo Canonica, Musei di Villa Torlonia, […]

0
Posted 28 ottobre 2014 by

 
Recensione completa
 
 

Tra ottobre e novembre 2014, ad animare l’autunno romano di cittadini e turisti, i Musei Civici e altri spazi culturali di Roma Capitale (Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Roma – Palazzo Braschi, Museo Napoleonico, Museo di Roma in Trastevere, Museo Canonica, Musei di Villa Torlonia, Centro Culturale Elsa Morante, Centro Culturale Aldo Fabrizi, Centro Culturale Gabriella Ferri, Factory) saranno eccezionalmente aperti al pubblico in orario serale con spettacoli di danza, musica, e teatro ad ingresso gratuito, selezionati attraverso l’avviso pubblico “Selezione di progetti di animazione culturale e spettacolo dal vivo da realizzarsi presso i Musei Civici e alcuni Spazi Culturali di Roma Capitale nel periodo estivo e autunnale”, emanato da Zètema Progetto Cultura in collaborazione con Roma Capitale, ufficio dell’Assemblea Capitolina.

PROGRAMMA

 Venerdì 31 ottobre, sabato 1 e domenica 2 novembre 2014

FESTIVAL PIANISTICO DI ROMA XIII° ED (con Enrico Pieranunzi, Bruno Canino, Daniele Riscica e Tommaso Carlini)

Musei Capitolini – Esedra del Marco Aurelio

Piazza del Campidoglio 1

A cura di Concertistica Romana

31 ottobre concerto di Daniele Riscica e Tommaso Carlini

1 novembre concerto di Bruno Canino

2 novembre  concerto di Enrico Pieranunzi

Orario: 20.30 ingresso pubblico alle 21 inizio concerto

L’Associazione Concertistica Romana attraverso il Festival Pianistico di Roma si impegna ad arricchire, con operazioni ad elevato contenuto culturale, i luoghi più affascinati e di maggior pregio che costellano la nostra città. Il Festival Pianistico di Roma giunge quest’anno alla sua tredicesima edizione. Al centro di questa proposta musicale vi è il pianoforte con il suo illimitato repertorio e possibilità espressive. Si esibiranno: per la musica classica il Maestro Bruno Canino; per il jazz il Maestro Enrico Pieranunzi; e come  giovani talenti emergenti Daniele Riscica e Tommaso Carlini.

 

Venerdì 31 ottobre, sabato 1 e domenica 2 novembre 2014

 

LE MOSCHE

Studio scenico per spazi museali dell’Orestea riscritta da Jean-Paul Sartre

Centrale Montemartini

Via Ostiense, 106

31 ottobre ore 19.15

1 e 2 novembre doppia replica ore 19.15 e 21.15

A cura di Alyax

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria allo 060608

Con: Priya Barchi, Flavio Capuzzo Dolcetta, Anna Dall’Olio, Luigi Fedele, Emma Minutolo, Claudio Molinari, Silvia Nostro, Chiara Palma, Nicola Pecora, Isabella Picchi, Letizia Russo, Nicoletta Valentini e la partecipazione di Vito Favata, Piero Marietti, Debora Petrocelli.

Musiche di Roberto Cintioli e Adriano Cava.

Messinscena sperimentale, interpretata da una compagine mista di professionisti, docenti universitari, studenti e studentesse liceali, che conclude il ciclo di eventi previsti nell’ambito del progetto “Teatro e Scuola” realizzato con Regione Lazio, scuola on demand. Il tentativo di attualizzazione del testo tragico classico fatto, durante la Seconda Guerra Mondiale, dallo scrittore e filosofo francese che scrisse quella che, di fatto, è stata la sua prima opera teatrale, ha il suo senso proprio nella Parigi occupata dai nazisti del 1945. “Il vero dramma, quello che ho voluto scrivere, è il dramma di un terrorista che, uccidendo per strada dei tedeschi, provoca l’esecuzione di cinquanta ostaggi” (da:un théatre de situations pp223) allusione evidente agli orrori dell’estate 1941, e insieme presa di posizione nel dibattito che opponeva partigiani e detrattori dei mortiinnocenti, è una dichiarazione di attualità e pretesto e motivo per la riproposizione del testo oggi: proprio quest’anno ricorrono i settanta anni dall’Eccidio di Fosse Ardeatine e dalla Liberazione.

Lunedì 3 e martedì 4 novembre 2014

 

CULTURALMENTE

IL PALCOSCENICO DELLA MENTE

Casino Nobile – Musei di Villa Torlonia

Lunedì 3 e martedì 4 novembre 2014

A cura dell’Associazione Culturale Musicart&natura

Lunedì 3 novembre 2014

Ore 20:30 Degustazione di prodotti biologici all’esterno del museo – Ore 21:00 Laboratorio riabilitazione musicale PTV policlinico Tor Vergata, accompagnato dalla band Groove River-Ore 22:00 Presentazione dei laboratori riabilitativi da parte del Prof. Alberto Siracusano e del suo staff

Ore 22:15 Concerto semi acustico con The Niro voce e chitarra, Michele Braga al pianoforte e tastiere. Special guest Sarah Dietrich (voce).

Davide Combusti, in arte The Niro, è un cantautore e polistrumentista con alle spalle una grande attività live che lo ha portato a dividere il palco con tanti nomi illustri del panorama musicale mondiale come Deep Purple, Amy Winehouse, Carmen Consoli, Lou Barlow, Badly Drawn Boy, Okkerville River, Sondre Lerche, Tom Hingley degli Inspiral Carpets. Notato dalla Universal, pubblica nel 2008 un EP, “An Ordinary Man”, seguito poco dopo dall’album di debutto omonimo, “The Niro”. Tutti i brani sono cantati in lingua inglese. Nel 2010 esce il suo secondo album, “Best Wishes”. Nel 2012 esce “The Ship”, pubblicato da Viceversa Records e distribuito da EMI.

Nel frattempo The Niro fa il suo esordio come autore firmando “Medusa”per Malika Ayane e “Sogno d’estate” per Nathalie.

Per tutto il 2013 ha lavorato in studio al nuovo album. E’ un grande passo nella carriera dell’artista romano perché, a differenza delle precedenti opere, il disco è interamente scritto e cantato in italiano.

L’album “1969” è stato pubblicato a febbraio 2014.Contiene undici brani inediti, tra i quali la title song 1969, presentata in concorso al Festival di Sanremo 2014 tra le nuove proposte.

Martedì 4 novembre 2014

Ore 20:30 Degustazione di prodotti biologici all’esterno del museo – Ore 21:00 Laboratorio teatrale riabilitativo “I cocci” del PtTV di Tor Vergata in collaborazione con la compagnia teatrale “Roma Nostra” che presentano: L’attimo fuggente dei ragazzi vagabondi. – Ore 22:00 Presentazione dei laboratori riabilitativi da parte del Prof. Alberto Siracusano e del suo staff

Ore 22:15 Spettacolo della compagnia “Roma Nostra” con stornelli romani e canzoni della tradizione

Sabato 8 novembre 2014

 

LUCA BARBAROSSA IN CONCERTO

Centro Culturale Aldo Fabrizi

San Basilio – Via Treia, 14

A cura di Associazione  Musicale e Culturale Musicalmente                      

Sabato 8 novembre 2014

Orario: 21.00

Luca Barbarossa eseguirà un concerto acustico accompagnato dal suo storico chitarrista Mario Amici, con il quale ha condiviso i maggiori successi canori della carriera, e Giuseppe Basile alle percussioni. Nel corso del suo spettacolo l’artista proporrà i classici del suo repertorio, tra cui “Portami a ballare”, “Roma spogliata”, “Via Margutta”, “Al di là del muro”.

BIOGRAFIA

Luca Barbarossa inizia a suonare come musicista di strada nella seconda metà degli anni ’70, suonando il repertorio folk americano e i classici del cantautorato italiano.

Nel 1981 partecipa a Sanremo nella sezione nuove proposte col brano Roma spogliata. Esce sce il mio primo album Luca Barbarossa, prodotto da Shel Shapiro. Torna a Sanremo nel 1986 con Via Margutta e nel 1987 con Come dentro un film. Nel 1988 si classifica terzo sempre a Sanremo con L’amore rubato, e primo in classifica di vendite dei singoli e degli album con Non tutti gli uomini (doppio platino).

Nel 1989 esce Al di là del muro, quarto album di inediti. Primo posto in classifica di vendite (disco di platino).

Nel 1992 Luca vince il Festival di Sanremo con “Portami a ballare”, e pubblica il quinto album Cuore D’Acciaio. Primo posto in classifica e disco di platino.

Nel 1994 è al Festivalbar con il singolo provocatorio Cellai solo te, con un video particolarmente divertente che vede come protagonista Corrado Guzzanti.

Torna a Sanremo nel 1996 con Il ragazzo con la chitarra e nel 2003 con Fortuna.

Nel 2008 esce il decimo album di inediti: Via delle storie infinite.

Da una serie di improvvisazioni nate in occasione di alcuni show case, prende vita Attenti a quei due, con Neri Marcorè. Lo spettacolo teatrale mette insieme comicità, satira e musica dal vivo.

In questo periodo inizia a dedicarsi anche alla conduzione radiofonica.

Nel 2008 affianca Enrica Bonaccorti alla conduzione del programma radiofonico “Tornando a casa” (Radio1) e dal 2010 è il conduttore di Radio 2 Social Club.

Nel 2011 Barbarossa torna a Sanremo in coppia con Raquel Del Rosario, con la canzone Fino in fondo. Seguirà l’album Barbarossa Social Club, una raccolta dei suoi più grandi successi, per festeggiare i suoi trent’anni di carriera.

Nel 2012 debutta in televisione con Max Giusti conducendo il programma Super Club su Rai 2.

Come autore, ha scritto anche per Gianni Morandi, Luciano Pavarotti, Paola Turci, Tosca, Tina Arena e Fiorella Mannoia; nei suoi dischi ha ospitato Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Fiorella Mannoia, Eros Ramazzotti e Roy Paci.

 

Sabato 8 novembre e domenica 9 novembre 2014

L’ULTIMO PALAZZO DEL PAPA

di Rosa Di Brigida

Museo di Roma – Palazzo Braschi (Sala Torlonia)

Piazza Navona, 2

A cura di Era Dea

Sabato 8 novembre ore 21.00

Domenica 9 novembre ore 19.00

Prenotazione consigliata allo 060608

La mise en espace, tra parole e musica, racconta la storia di Palazzo Braschi dalla sua costruzione commissionata da Papa Pio VI Braschi, fino a pochi anni fa, quando è diventato sede del Museo di Roma. La vicenda, ricca di tanti, diversi e significativi avvenimenti, è raccontata da tre personaggi: la Storia, Papa Pio VI e Pasquino (tipico carattere romano, fustigatore, attraverso i suoi versi satirici, di nobili e potenti). L’originalità e la particolarità della messa in scena emergono, oltre che dal testo e dal trattamento della musica che lo accompagna, anche nei costumi, che sono cuciti e dipinti a mano dal laboratorio artistico ERA DEA, per farne delle pitture viventi. La musica che accompagna le parole ripercorre in piena libertà le atmosfere dal ‘700 ai nostri giorni.

In scena Rosa Di Brigida nel ruolo della Storia, Francesco D’Ascenzo nel ruolo di Pio VI e Pasquino.

Sabato 8 novembre e domenica 9 novembre 2014

 

HAMMOND BAND

Museo dell’Ara Pacis

A cura di AMI – Associazione Musicisti Italiani     

Orario: 20.30

La caratteristica principale che contraddistingue questa band è costituita dall’elemento solista. Protagonista della serata è infatti l’organo “Hammond”, strumento dalle sonorità inconfondibili che ha caratterizzato la musica leggera, R & Blues e Jazz fino agli anni ’80. Il M° Adelmo Musso e la sua band di 9 elementi (organo “Hammond”, sassofoni, tromba, trombone, batteria, basso, chitarra elettrica) eseguono brani R & Blues, Funky e rivisitazioni di successi italiani famosi nel mondo, con arrangiamenti particolari che esaltano tutta la duttilità, la brillantezza e la carica sonora dell’ensamble.

Sabato 15 novembre 2014

 

IL MURO DEL SUONO

Museo Pietro Canonica

Viale Pietro Canonica, 2

A cura di Asd Eventi      

Sabato 15 novembre 2014

Orario: 11.30 e 15.00 (due repliche)

Si esibirà al Museo Canonica il gruppo “Fuori Tempo”, band emergente di giovani provenienti dalla periferia sud di Roma, che eseguirà in chiave acustica i brani del cantautore Luciano Ligabue.

FIORDALISO

in concerto acustico

Museo Napoleonico

Piazza di Ponte Umberto I, 1

A cura dell’Associazione culturale New batik

Sabato 15 novembre 2014

Orario: 19.30 e 21.00 (due repliche)

Prenotazione obbligatoria allo 060608

I questo concerto acustico, la nota cantante Fiordaliso, accompagnata dal pianista Jacopo Carlini, propone un repertorio che spazia tra le più famose canzoni della tradizione popolare napoletana e romana. Si passerà dalle canzoni romane di Romolo Balzani, Gabriella Ferri, e Petrolini, alle opere napoletane di Libero Bovio, fino ad arrivare ad Antonello Venditti e Pino Daniele.

UN PONTE DI NOTE

Un viaggio musicale tra due culture: Roma – La Habana

Centro Culturale Elsa Morante

Piazzale Elsa Morante

A cura di Associazione Culturale Sonora

15 novembre 2014

Orario: 21.00

Un’orchestra di musicisti romani e cubani reinterpreta le canzoni romane e cubane creando un mix dalle grandi potenzialità creative ed innovative. Il repertorio spazierà da famosi brani di musica cubana tra cui Guantanamera, El manicero, Dos gardenias, Lagrimas negras, a classici della canzone romana come Ciumachella, Serenata sincera, Vecchia Roma, Roma nun fa la stupida stasera.

Domenica 16 novembre 2014

CUORE IN ME

Centro Culturale Elsa Morante

Piazzale Elsa Morante

A cura di Associazione Stardance Studio

Orario: 18.30

Coreografie di Tiziana Fiorveluti

Consulenza musicale di Simone Tordi

La Compagnia Stardance si compone di otto giovani danzatrici ed esplora gli orizzonti della danza classica e contemporanea mantenendo al contempo un alto rigore stilistico. Lo spettacolo “Cuore in me“ intende sottolineare, oltre al valore estetico e artistico della performance, la capacità della danza di emozionare profondamente lo spettatore. E’ composto da momenti diversi, tra cui il balletto dedicato all’adolescenza, il balletto dedicato all’amore, il balletto dedicato alla gelosia e alla ribellione, il balletto dei ricordi e quello dedicato alla vecchiaia.

 

Martedì 18 e mercoledì 19 novembre 2014

 

DONPASTA PRESENTA ARTUSI REMIX A ROMA

Se magni bene nun mori mai

Centro Culturale Elsa Morante (Piazzale Elsa Morante) 18 novembre ore 10.00

Centro Culturale Aldo Fabrizi (San Basilio – Via Treia, 14) 19 novembre ore 18.00

A cura Associazione culturale e ricreativa Beba do Samba 

Daniele De Michele donpasta. Regia e voce narrante

Antonello Carbone: vj e regista video

DgVisual: Vj e Grafism

Definito dal New York Times come uno dei più inventivi attivisti del cibo, Daniele De Michele donpasta, a seguito del tour mondiale di Food Sound System, presenta il nuovo progetto Artusi Remix in Rome. Lo spettacolo multimediale Artusi Remix in Rome, consiste in una interazione sul palco tra cucina dal vivo, narrazione teatrale, musica dal vivo e immagini. Un compositore, due vj e un dj lavorano sul commento musicale dei testi declamati da donpasta e delle interviste video realizzate nelle borgate romane (Testaccio, San Basilio e San Lorenzo) a persone che raccontino la cucina e al contempo l’evoluzione della città.

Donpasta è un dj, economista, appassionato di gastronomia. Sul palco usa vinili e pentole contemporaneamente, mixer e minipimer per frullare musica e veloutés. Una consolle, un piano da cucina, fornelli e vinili, coltelli e Technics 1200.

Il suo primo progetto, “Food sound system” è divenuto un libro, edito da Kowalski, e uno spettacolo multimediale, in tournée in giro per il mondo da ormai dieci anni. A questo ha fatto seguito nel 2009 “Wine Sound System” sempre edito da Kowalski, tradotto anche in francese dal marzo 2011. Nel febbraio 2013 è stato pubblicato il suo terzo libro: La Parmigiana e la Rivoluzione. Collabora tra gli altri con Paolo Fresu, David Riondino, Daniele di Bonaventura. Scrive regolarmente per Slow Food, Repubblica, Left Avvenimenti e collabora con Smemoranda, Alias, Fooding, l’Università del Gusto di Slow Food, CasArtusi e Cultura gastronomica. Organizza a Roma il Festival Soul Food con Terreni Fertili e a Toulouse, dove vive, l’Academie des Cuisines Metisses. Lavora attualmente sul progetto Artusi Remix con Casartusi, sulla cucina popolare italiana.

Giovedì 20 novembre 2014

 

KAZE MONONOKE

Museo dell’Ara Pacis

Spettacolo di danza a cura di DaCru Dance Company, nell’ambito del progetto From Tokyo to Rome: Ara Pacis Project

20 e 30 novembre

Orario: 21.30

Lo spettacolo di danza Kaze Mononoke, proposto dai coreografi Marisa Ragazzo e Omid Ighani, è ispirato al tradizionale Hanami, la cerimonia con cui ogni anno i Giapponesi celebrano la fioritura dei ciliegi. La fioritura dei ciliegi incanta gli umani che, estasiati, si lasciano cadere addosso i fragili petali spinti dal vento. E’ dunque questo il racconto: il vento e i petali.E’ un racconto poetico e lieve che i danzatori scrivono sulla scena, uno spazio bianco ed essenziale dove, carezzati da una brezza costante, mutano se stessi rapidamente e continuamente, perché questo fa il vento, spinge qualsiasi cosa al movimento, anche i sentimenti e gli umori.Il linguaggio tecnico dei danzatori contribuisce a creare una fantastica connessione di inganni visivi, viaggiando così come pochi possono e sanno fare dall’hip hop theater, al contemporaneo, ai più estremi e innovativi codici di linguaggio artistico. I loro corpi, così come le loro menti, vivono quello che accade alle loro spalle, la proiezione di immagini, pensata come ad una voce muta che racconta, descrive e sottolinea la vita, ora di un petalo ora d’un sentimento.

 

Sabato 22 e domenica 23 novembre 2014

 

CORPUS HOMINIS

Commedia sul cambiamento sociale nella Roma degli anni ‘50

Museo Pietro Canonica

Viale Pietro Canonica, 2

A cura dell’Associazione Comunicazione Reale    

22 e 23 novembre 2014

Orario: 11.30

Il Museo Pietro Canonica, il 22 e 23 novembre alle 11.30, ospiterà il debutto nazionale, in lettura scenica, della nuova commedia “Corpus Hominis”, scritta e diretta da Fabio Mureddu. “Corpus Homins” è una commedia, ambientata a Roma alla fine degli anni ’50. La protagonista, Nilde, è una donna cresciuta nella difficile periferia di Pietralata, dove ha conosciuto gli stenti causati dalla povertà. Per quelle strade polverose incontra il marito, Duilio, un ragazzotto di belle speranze con un buon posto di impiegato. Grazie alla nuova situazione economica la coppia lascia la povertà della periferia per trasferirsi nel centro di Roma, dalle parti di piazza Vittorio. Ben presto Nilde si rende conto che la nuova abitazione è fin troppo lussuosa, nonostante il buon impiego del marito. Capisce che il loro appartamento era una casa di appuntamenti chiusa per effetto della Legge Merlin da poco in vigore. Tra gli “oggetti” delle vecchie inquiline, accatastati in una stanza segreta, la protagonista trova una statua di Gesù, grande, bella e tutta dipinta. Proprio con questo inaspettato ritrovamento, per Nilde ha inizio, tra preghiere e confidenze al cospetto della statua, una nuova vita interiore, la cui delicata intensità dovrà, ben presto, scontrarsi con quell’oscuro codice della moralità maschile dell’Italia degli anni ’50. In scena gli attori Vita Rosati, Veronica Pinelli, Fabio Mureddu, con l’accompagnamento musicale e vocale di Virginia Quaranta.

 

Martedì 25 novembre 2014

 

DONNE

TRA MUSICA E PAROLE – con la partecipazione di TOSCA e altre donne della scena italiana.

Musei Capitolini – Esedra del Marco Aurelio

Piazza del Campidoglio 1

A cura di Daniele Cipriani Entertainment s.c. 

Orario: 21.00

“DONNE” TRA MUSICA E PAROLE- con la partecipazione di TOSCA e altre donne della scena italiana, è uno spettacolo a cura di Daniele Cipriani Entertainment, che nasce in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il 25 novembre, con l’obiettivo di sensibilizzare sull’argomento, purtroppo fortemente attuale, degli abusi e violenze di ogni genere sulla donna. Lo spettacolo porta in scena dieci storie di donne, intervallati dalle canzoni delle grandi voci femminili internazionali interpretate da Tosca (Tiziana Tosca Donati), cantante romana vincitrice del festival di Sanremo nel 1996.

 

Sabato 29 novembre 2014

 

GLI ULTIMI TRE GIORNI DI FERNANDO PESSOA di Antonio Tabucchi

Museo di Roma – Palazzo Braschi (Salone d’Onore)

Piazza Navona, 2

A cura della Compagnia Diritto e Rovescio                     

Orario: 21.00

Prenotazione consigliata allo 060608

Con Massimo Popolizio e Gianluigi Fogacci. Adattamento teatrale e cure registiche di Teresa Pedroni. Musica dal vivo con Isabella Mangani (voce) e Felice Zaccheo (chitarra portoghese).Lo spettacolo nasce come omaggio al grande scrittore Antonio Tabucchi, da poco scomparso. E’ messo in scena il racconto, immaginario e insieme biografico, nel quale Antonio Tabucchi descrive la morte di uno dei più grandi scrittori del Novecento della cui opera lui stesso si è occupato lungamente, traducendola e diffondendola nel mondo.Il testo ripercorre gli ultimi tre giorni di agonia di Fernando Pessoa. Nel novembre 1935 Fernando António Nogueira Pessoa si trova nel suo letto di morte all’ospedale di São Luís dos Fanceses e, come in un delirio, il grande poeta portoghese riceve i suoi eteronomi, i suoi personaggi letterari (Álvaro de Campos, Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Bernando Soares, António Mora), parla con loro, elabora conflitti ancora aperti, detta le sue ultime volontà, dialoga con i fantasmi da lui stesso creati che l’hanno accompagnato per tutta la sua vita. Sarà l’attore Massimo Popolizio, nei panni dello stesso Pessoa, ad incontrare i vari eteronimi – interpretati da Gianluigi Fogacci – e in questi appuntamenti come per magia tornerà a tratti anche ad incarnarli, a ripetere le loro parole, i loro gesti, in un’atmosfera sospesa e inquietante. Si assiste così alle varie trasformazioni di Pessoa come ad un rituale di congedo definitivo dai suoi personaggi e quindi anche dalla vita. Lo accompagnano in questo percorso struggente la voce della giovane cantante di Fado Isabella Mangani e la chitarra portoghese di Felice Zaccheo.

Domenica 30 novembre 2014

 

KAZE MONONOKE

Museo dell’Ara Pacis

Spettacolo di danza

a cura di DaCru Dance Company, nell’ambito del progetto From Tokyo to Rome: Ara Pacis Project

Orario: 21.30

Lo spettacolo di danza Kaze Mononoke, proposto dai coreografi Marisa Ragazzo e Omid Ighani, è ispirato al tradizionale Hanami, la cerimonia con cui ogni anno i Giapponesi celebrano la fioritura dei ciliegi. La fioritura dei ciliegi incanta gli umani che, estasiati, si lasciano cadere addosso i fragili petali spinti dal vento. E’ dunque questo il racconto: il vento e i petali.E’ un racconto poetico e lieve che i danzatori scrivono sulla scena, uno spazio bianco ed essenziale dove, carezzati da una brezza costante, mutano se stessi rapidamente e continuamente, perché questo fa il vento, spinge qualsiasi cosa al movimento, anche i sentimenti e gli umori.Il linguaggio tecnico dei danzatori contribuisce a creare una fantastica connessione di inganni visivi, viaggiando così come pochi possono e sanno fare dall’hip hop theater, al contemporaneo, ai più estremi e innovativi codici di linguaggio artistico. I loro corpi, così come le loro menti, vivono quello che accade alle loro spalle, la proiezione di immagini, pensata come ad una voce muta che racconta, descrive e sottolinea la vita, ora di un petalo ora d’un sentimento.

 


Redazione

 
Avatar of Redazione
Inserire qui una breve nota biografica.


0 Commenti



Commenta per primo!


Risposte


(required)